Ancona-Hc Monteprandone 37-21
ANCONA: Battistoni, Serpilli, Cardinali 5, Rossi, Giancristoni, Lucarini 10, Caleffi 3, Bastari 2, Gaetani 7, Magistrelli 1, Caltillo 5, Fongoni 2, Recanatini 1. Allenatore: Savini.
MONTEPRANDONE: Salladini, Ascolani 2, Troisi, Gabrielli M., Veccia 2, Romandini, Amato 1, Gabrielli P., Consorti 2, De Cugni 2, Sciamanna 7, Poletti M. 1, Poletti D. 3, Antoniozzi 1. Allenatore: Allegrini.
Arbitri: Longobardi e Magliolo.
Note: parziale primo tempo 21-8.
ANCONA – Una delle peggiori esibizioni dell’anno per la Troiani & Ciarrocchi Monteprandone. Ad Ancona i celesti, orfani di Fabio Poletti, Bisirri e Fanesi, non sono stati mai in partita. Gettata alle ortiche la possibilità di chiudere in anticipo il discorso salvezza.
La lunga sosta di Pasqua non ha fatto granchè bene ai ragazzi di Pasquale Iadarola – assente nella Dorica e sostituito da coach Allegrini – che non sono mai riusciti a contrastare la supremazia dei padroni di casa. La gara di Monteprandone in pratica è durata qualche minuto: il tempo di portarsi in vantaggio. Ma dopo l’1-0 ospite Ancona ha ingranato la quinta e in un amen si è portata sul 3-1. Da lì non c’è stata più partita: il primo tempo si concludeva sul 21-8.
Nella ripresa la prestazione della Troiani & Ciarrocchi era decisamente migliore. A riprova il parziale: 16-13. Ma era troppo tardi per sparare di tornare a casa con qualche punto.
Amaro il commento di capitan Romandini: «Davvero una brutta prestazione, non abbiamo scusanti. Non riesco a spiegarmi questo rilassamento, forse confidiamo nel fatto che Cassino, ultimo in classifica non riusca a risollevarsi».
Sabato prossimo intanto i celesti torneranno a giocare davanti al pubblico amico: al Colle Gioioso arriverà la capolista Lazio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 700 volte, 1 oggi)