ACQUAVIVA PICENA – Tradizione consolidata presso l’antica civiltà contadina ed artigianale era trascorrere il Lunedì dell’Angelo all’aperto. Denominata «andare a passar l’acqua», l’usanza era legata al valore purificatore di questo elemento naturale e prevedeva il guado a piedi di un corso d’acqua, un gesto che rigenerava a nuova vita chiunque l’avesse praticato.

La costumanza sopravvive ancora in alcuni centri dell’entroterra, fra cui Acquaviva Picena dove la panoramica chiesa San Francesco, il giorno dopo Pasqua, diventa solitamente meta preferita di numerosi visitatori d’ogni età, locali o turisti, desiderosi di trascorrere un allegro pomeriggio di festa in compagnia, fra spuntini e divertimenti vari.

Promossa dall’Associazione Palio del Duca, l’edizione 2007 di “Jéme a passà l’acque” si è svolta lo scorso 9 aprile, come consuetudine, presso il Centro Sportivo “La Castagna”. Protagonisti assoluti, i bimbi e gli adolescenti, d’età compresa fra i 5 ed i 15 anni, che si sono cimentati nei tradizionali giochi storici del Palio dei Bambini. Nella fattispecie, tiro alle palle, corsa con i sacchi, corsa con le “pajarole” e tiro alla fune. Il buon umore, condito dallo spirito di gruppo e dal sano divertimento, l’ha fatta da padrone.

Numerosa, oltre a quella dei ragazzi, la partecipazione dei rispettivi genitori. Così il presidente dell’ente promotore dell’evento, Nello Gaetani, ha a tal riguardo commentato: «È un progetto ambizioso, quello dell’Associazione Palio del Duca. Cerchiamo, infatti, ogni volta di coinvolgere il più possibile le famiglie in incontri del genere, per conoscersi, accrescere il bagaglio culturale e lo spirito d’amicizia».

«È nostra intenzione – ha continuato – avvicinare i ragazzi ai giochi che hanno caratterizzato l’infanzia dei loro nonni, quando il computer ancora non aveva invaso le nostre case».

Le sfide, dal sapore medioeval – popolare, hanno visto primeggiare, per il tiro alle palle, Florinda Sciarroni (categoria 5/9 anni) e Daniele Spaccasassi (10/15 anni). Nella corsa coi sacchi si sono distinti, invece, Alessandro Moroni (5/9 anni) ed Elias Pintacuda (10/15 anni). La corsa con le “pajarole” ha incoronato vincitori Rambo Zeneli ed Alessia Lazzari. Per finire, nel tiro alla fune si è piazzata al primo posto la squadra capitanata da Deborah Carosi e composta da Roberto Lazzari, Enrico Camaioni, Mattia Marinosci e Marco Malavolta. Al termine delle gare, anche le mamme, su invito del presidente Gaetani, si sono cimentate nel tiro alle palle, vinto dalla signora Allyson Garwey.

Come ogni torneo che si rispetti, alle competizioni sono seguite le premiazioni, con i trofei offerti dalla Banca Picena Truentina Credito Cooperativo. Un ricco spuntino, a base di maritozzi con la cioccolata e dolci vari, ha concluso i festeggiamenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 753 volte, 1 oggi)