ALBA ADRIATICA – Avevano allestito in casa un laboratorio per il taglio e la vendita della droga. Due persone sono state arrestate mercoledì 11 aprile ad Alba Adriatica con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A finire in manette il pregiudicato clandestino Walid Salim, 48 anni, nato a Mapuda (Mozambico), e Stefania Di Concetto, 29enne originaria di San Benedetto, anche lei pregiudicata.

I carabinieri di Alba Adriatica erano sulle loro tracce da una settimana. I militari hanno fatto irruzione nell’abitazione in cui i due nascondevano la droga, trovando all’interno 100 grammi di eroina, 50 grammi di cocaina, 50 grammi di hashish e 900 grammi di sostanza da taglio (mannite). Lo stupefacenti è stato sequestrato. Nell’appartamento gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto anche la ragguardevole somma di 25 mila euro, provento dell’attività di spaccio.

I due spacciatori sono stati rinchiusi nel carcere di Teramo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.428 volte, 1 oggi)