SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Ugolotti è libero di dire quello che ritiene più opportuno, in casa Samb c’è democrazia. Se sono infastidito? Il nostro allenatore ha rilasciato un’intervista come tante altre».
Gianni Tormenti “sgonfia” una (possibile) polemica a distanza con il tecnico rossoblu. Mercoledì Ugolotti, al termine del primo allenamento settimanale, aveva confessato di non voler prendere in considerazione un’altra stagione all’insegna dei giovani e con l’obiettivo della salvezza. A queste condizioni potrei non restare a San Benedetto, aveva sintetizzato l’ex Acireale.
LA RISPOSTA DI TORMENTI La replica del presidente del sodalizio di Viale dello Sport non si è fatta attendere: «E’ ancora prematuro per fare certi discorsi. Non possiamo dire se rafforzeremo la squadra e quali saranno i nostri obiettivi. E’ ovvio che la voglia di fare meglio rispetto all’attuale campionato c’è, però bisogna valutare tante cose. In primo luogo il bilancio. Non sono abituato a fare proclami, sarebbe forse più comodo, ma non mi piace vendere illusioni. In questo momento ci sono tutti i presupposti per migliorarsi, perché abbiamo costruito una società importante e seria; ma a un mese e più dalla fine del campionato credo ci sia ancora tempo per parlare di queste cose».
L’imprenditore di Martinsicuro insomma resta ottimista in merito alla conferma dello staff tecnico e dirigenziale rossoblu: «La stima e il rispetto che nutriamo nei confronti di Ugolotti non cambia dopo un’intervista. Come società porremo dei limiti solo a livello economico, per il resto quando ci metteremo a tavolino, ancora non l’abbiamo fatto, per programmare la prossima stagione, vedremo se ci sarà la volontà comune di andare avanti insieme. Ognuno di noi, mister compreso, esprimerà le proprie esigenze».
Poi una considerazione in vista del rush finale di campionato: «Credo sia normale, alla luce dei buoni risultati ottenuti sinora, che Ugolotti guardi in alto: questo mi fa ben sperare per le ultime partite».
IL PAVONE PENSIERO Sulla stessa lunghezza d’onda del presidente anche il direttore sportivo Peppino Pavone: «Si sta montando un caso per niente. Ugolotti ha solo risposto a una domanda e, come suo solito, lo ha fatto con estrema sincerità. Non mi pare abbia detto nulla di anormale. Peraltro non dobbiamo dimenticarci che né il sottoscritto né l’allenatore abbiamo un contratto firmato per la prossima stagione, quindi per il momento non possiamo fare più di tanto. La società deve ancora stabilire i programmi futuri, non ci ha detto niente: è inutile cercare polemiche su queste cose».
«Ritengo piuttosto – ha continuato Pavone – che il mister vada ammirato perché ha dimostrato di essere una persona ambiziosa, che vuole emergere e arrivare in alto. Sono convinto che anche la Samb vuole questo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 920 volte, 1 oggi)