ASCOLI PICENO – È morto il giovane 24enne che domenica 1° aprile si era sparato un colpo di pistola all’interno della chiesetta sull’Eremo di San Marco. Il ragazzo era apparso in condizioni disperate sin dal suo ricovero al Torrette di Ancona. «Vado alla ricerca di una verità superiore», così ha lasciato scritto ai familiari. Il ragazzo si era da poco laureato in giurisprudenza.
«Non è stato un gesto sconsiderato, ha fatto tutto serenamente e in piena coscienza», ha raccontato il fratello Francesco. I genitori del giovane hanno dato l’autorizzazione per la donazione degli organi. L’espianto multiorgano di cornee, pancreas e cuore è stato effettuato all’ospedale Torrette di Ancona.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.021 volte, 1 oggi)