SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A ulteriore chiarimento della vicenda sulla frode fiscale operata da una società di telefonia cellulare, visto il comunicato ufficiale della Sambenedettese Calcio e a tutela della corretta informazione – e cioè che nulla è stato omesso o proditoriamente aggiunto al lancio di mercoledì pomeriggio delle agenzie di stampa Ansa e Agi – pubblichiamo la fonte primaria della notizia: il testo del comunicato diffuso dal Comando della Guardia di Finanza di Ancona. I lettori possono leggerlo cliccando qui a destra su Documenti allegati.
Tale nostro intervento intende sciogliere qualsivoglia contenzioso che lascerebbe trasparire un benché minimo attrito o interesse contrastante tra la società sportiva Sambenedettese Calcio e nessun giornalista sambenedettese che segue la squadra rossoblu.
Diciamo questo perché è ora che certe scorie, a volte alimentate ad arte da qualche personaggio losco ma anche furbo, vengano spazzate via definitivamente e si torni ad una corretta e serena convivenza senza sospetti o pregiudizi che non hanno – a parer nostro – ragioni di esistere. O, se esistono, vanno immediatamente evidenziati per dare a chi fosse sospettato la possibiltà di spiegare le proprie ragioni e quindi agire di conseguenza.
Tra stampa e società rossoblu la disarmonia dovrebbe essere l’eccezione che conferma la regola e non viceversa, come invece ci pare che anche quest’ultima vicenda lasci in qualche modo intendere.
Forza Samb, ci sembrano le due parole più giuste e condivise da tutti per concludere questo messaggio che oseremmo definire pacificatore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 928 volte, 1 oggi)