SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel corso di una sentita cerimonia, la sezione sambenedettese della Lega Navale Italiana ha assegnato “alla memoria” il Trofeo Challenger “L’angelo delle acque” al compianto socio Massimo Venditti, scomparso nel 2006 nel corso del salvataggio di una ragazza in mare.
A soli 34 anni, Massimo Venditti, molto attivo come volontario nella Lega Navale, sempre presente durante le manifestazioni per garantire la sicurezza in mare ai partecipanti, e sportivo vero – praticava il canottaggio nell’ambito del Gruppo Sportivo della Sezione – in vacanza premio con altri colleghi di lavoro a Capo Verde, Isola di Boa Vista, richiamato dalle grida di richiesta di aiuto di una ragazza in difficoltà, mentre era in mare per un bagno, non esitava a prestare a nuoto la propria assistenza traendola in salvo, ma rimanendo sott’acqua e riemergendo privo di vita dopo dieci minuti.
«Nessuna comunità vorrebbe commemorare degli eroi», commenta l’assessore allo Sport di San Benedetto Eldo Fanini, «ma in casi come questo il riconoscimento dell’intera città è davvero unanime e commosso. Oggi si rivolge ad una persona straordinaria, impegnata nel mondo del volontariato e dello sport, scomparsa per una tragica fatalità. La notizia della sua morte ci era giunta improvvisa e drammatica ed è rimasta in qualche modo visibile, in seguito, con la chiusura del suo negozio in via Giovanni XXIII».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 304 volte, 1 oggi)