CUPRA MARITTIMA – Se per i bloggers di Cupra Marittima (sito 63012.blogspot.com) l’amministrazione comunale cuprense dovrebbe “imparare” da quella di Grottammare in ambito delle opere pubbliche (on-line, e da noi riprese, sono contrapposte le foto della nuova piscina di Grottammare e di alcune nuove edificazioni a Cupra), sicuramente questo non si può dire per quanto riguarda i nuovi poli scolastici che, nelle due cittadine adriatiche, fra qualche tempo sorgeranno, prendendo il posto di strutture scolastiche più desuete.
E in entrambi i casi – siamo in un periodo di vacche magre, anzi magrissime, per quanto riguarda gli investimenti statali per l’edilizia scolastica – le nuove strutture vedranno la luce grazie ad una forma di compartecipazione dei privati, che, per realizzare i due poli scolastici (quello di Cupra a nord del Parco Archeologico, quello di Grottammare tra la Ss16 e il centro commerciale L’Orologio), avranno modo di entrare in possesso (ed, eufemisticamente, rimodulare) i vecchi edifici.
Il progetto di Cupra. Il bando di gara per licitazione privata scadrà il prossimo 21 marzo: si tratta di un intervento di notevoli proporzioni economiche. L’importo stimato, infatti, prevede la realizzazione di un nuovo complesso polifunzionale comprendente una scuola materna, una scuola elementare, una media e un istituto superiore, con servizi annessi ( segreteria, biblioteca, aula magna, cucina e mensa, spazi per il personale, palestra) ed incluse le sistemazioni esterne comprendenti campi da bocce e pista di pattinaggio.
A ciò si va ad aggiungere la costruzione di un campo da calcetto, un campo da tennis e un parcheggio che sarà a servizio del futuro Parco Archeologico e quindi di un parcheggio interrato sito nell’area, ubicata nel centro abitato di Cupra, sede dell’attuale edificio scolastico
Quanto costa. L’importo totale complesivo è di 9.588.000 euro, più le spese di progettazione, la direzione dei lavori, la sicurezza. Dunque arriviamo ad un progetto del valore di circa 10 milioni di euro: epocale per una cittadina di poco più di 5 mila abitanti (circa 2 mila euro pro capite).
Chi paga. Si tratta di un project financing (brutto e poco comprensibile termine anglofono che significa “finanziamento di progetto”): chi si aggiudicherà la gara sarà chiamato a realizzare quanto sopra riportato ma, in cambio, oltre che un pagamento in denaro, avrà in proprietà gli immobili delle attuali scuole cuprensi e, in più la concessione della nuova scuola per un periodo anche superiore ai trenta anni.
Il pagamento in denaro sarà di 3.544.730,85 euro, di cui 2 milioni e 800 mila quali contributo della Provincia, e i restanti 744.730,85 euro attraverso un mutuo comunale contratto con la Cassa Depositi e Prestiti con un contributo regionale annuo del 3%.
Cosa avrà in cambio il concessionario. Oltre questo pagamento, si legge nel bando «l’amministrazione corrisponderà eventualmente, quale ulteriore prezzo integrativo, la cessione in proprietà di due immobili di circa 21 mila metri cubi con annessa area di corte e sede dell’attuale edificio scolastico, con possibilità di realizzare una pari volumetria (..). L’ulteriore corrispettivo per il concessionario sarà dato dai ricavi nella gestione di tutti i servizi connessi al funzionamento dell’attività didattica, nonché degli impianti sportivi e dei parcheggi da realizzare».
Chi vincerà? La valutazione delle diverse domande avverrà attraverso una ponderazione di diversi elementi della domanda: la durata della concessione richiesta, il prezzoo, il valore tecnico ed estetico, il rendimento della concessione, il tempo di esecuzione dei lavori (che devono terminare entro il 31 dicembre 2009), le modalità di gestione del servizio. Nelle prossime settimane ne sapremo di più.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 626 volte, 1 oggi)