SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mercoledì 21 marzo alle 21:00 presso il Cinema Calabresi verrà proiettato il film-documentario “Born into Brothels. Istantanee di un’infanzia nei bordelli di Calcutta” di Zana Briski e Ross Kauffman, vincitore dell’Oscar Academy Awards 2005.
Si tratta di una serata delle rassegne “Immagini Inattese e Perché donna” organizzate dalla Fondazione Libero Bizzarri per portare al pubblico di San Benedetto del Tronto opere pregevoli e spettacolari che altrimenti resterebbero tagliate fuori dalla consueta distribuzione nelle sale.
Il Bizzarri si avvale della collaborazione del Cineforum Buster Keaton, Laboratorio Teatrale Re Nudo e il patrocinio dell’ Assessorato alla Cultura del Comune di San Benedetto del Tronto, della Provincia di Ascoli Piceno e della Regione Marche. La serata è l’unica, nella programmazione primaverile della Fondazione, a essere a pagamento. Costo del biglietto 3 Euro.

“Born into Brothels”
di Zana Briski, Ross Kauffman (Oscar al 77mo Academy Awards 2005)
“Mi chiedo sempre, se potessi ricevere un’istruzione, cosa potrei fare”.

Le persone più marchiate nel quartiere a luci rosse di Calcutta non sono le prostitute, ma i loro figli. Di fronte alla miseria più nera, agli abusi e alla disperazione, questi bambini hanno pochissime possibilità di sfuggire allo stesso destino della madre e crearsi un’esistenza diversa. La storia dell’incredibile trasformazione dei bambini che hanno conosciuto nel quartiere a luci rosse. Zana Briski, fotografa professionista, regala ai bambini una macchina fotografica e impartisce lezioni, insegnando loro ad apprezzare la bellezza e la dignità della loro espressività, rendendo la fotografia un mezzo di emancipazione…
La realtà senza speranza trasformata attraverso gli scatti fotografici in un desiderio di rinascita, un disagio filtrato, uno strumento per guardarsi intorno e regalarsi un’istruzione che possa dar voce all’infanzia negata e restituire la dignità perduta.
Iniziato nel 1998 – quando la Briski si trasferisce a Calcutta per vivere fra le prostitute – Born into Brothels è un documento straordinario, privo di retorica, necessario. Le fotografie che negli anni hanno fatto il giro del mondo – frutto del talento degli otto ragazzi – sono la dimostrazione di come la fantasia e la curiosità siano fondamentali per uscire da una condizione di estremo disagio, mentre il lottare quotidiano diventa l’elemento fondamentale per raggiungere la salvezza. Un documentario per chi ha ancora la forza di indignarsi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 356 volte, 1 oggi)