GROTTAMMARE – «Mister Amaolo resta al suo posto». Pino Aniello è laconico: il Grottammare rinnova la fiducia al proprio allenatore, nonostante la quarta sconfitta consecutiva e un successo che manca ormai da più di due mesi.
Il kappaò interno – il quarto di fila – contro l’Avezzano aveva fatto pensare al cambio di timone, ma il direttore sportivo biancazzurro spiega: «A otto giornate dalla fine del campionato avrebbe poco senso esonerare l’allenatore. Dovremmo affidarci a una persona che conosce l’ambiente o magari optare per una soluzione interna».
LA SQUADRA E’ CON AMAOLO «Insomma – ha continuato Aniello – non vediamo i giusti presupposti. Del resto la squadra ha ribadito di appoggiare Amaolo e di sentirsi la maggiore responsabile di questa situazione. Sono sicuri di potersi riprendere così come stanno le cose».
QUESTIONE DI TESTA Avanti con Amaolo dunque. Anche se il quadro non è dei più rassicuranti. I 3 punti racimolati nelle ultime nove giornate sono lo specchio fedele di una situazione a dir poco delicata.
niello la descrive con una metafora molto appropriata: «Stiamo affogando, o quasi, siamo con l’acqua fino al collo, ma mi auguro che tutti insieme, dando il massimo, si possa uscirne fuori. Faremo sentire alla squadra e al mister ancora di più lka nostra vicinanza, anche se è chiaro che la migliore medicina sarebbe un risultato».
Ultimamente la fortuna sembra avere voltato le spalle al Grottammare. «La riprova nella gara contro l’Avezzano: paghiamo a carissimo prezzo ogni minimo errore e in avanti non riusciamo a segnare gol praticamente fatti. E’ una questione di testa, ne sono convinto: dovesse arrivare qualche punto ci sbloccheremmo».
PIOVE SUL BAGNATO Biancazzurri ancora una volta in emergenza in vista della trasferta di Cattolica: saranno indisponibili, oltre a Puglia, stiratosi alla coscia destra la settimana scorsa, anche i vari Iampieri, Del Moro e Oddi, i quali, ammoniti nel corso della partita contro la Nuova Avezzano, verranno squalificati dal Giudice Sportivo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 437 volte, 1 oggi)