Sonetti. «Caro Nedo stavolta non ti ho capito. Anche perché, a parte le tue capacità tecniche, ho sempre apprezzato il coraggio che hai dimostrato nelle tue azioni. Famoso quel «prima di parlare di calcio con me, sciacquatevi la bocca…», rivolto ai tifosi rossoblu. Perlomeno nel periodo in cui hai vissuto nella nostra città (1980-1983) come allenatore della Samb. Veniamo al punto. Ieri sera eri ospite esterno della Domenica Sportiva su Raidue. Ad un certo punto per renderti giustamente omaggio la regia ha messo in onda le immagini delle tue tante promozioni: Udine, Lecce, Atalanta, Ascoli e altre che non ricordo. Sono certo però che non è stata nominata la promozione con la Samb che fu storica anche per motivi tragici. Da provinciali, quali siamo noi sambenedettesi, ci siamo rimasti male. Ma non perchè la Rai è stata incompleta ma perchè tu non hai fatto la dovuta precisazione in quanto le tue prime vere affermazioni (il primo amore non si dovrebbe scordare mai) in campo professionistico sono arrivate con la Samb (promozione in B e due meritatissime salvezze). Un motivo in più era il fatto che stai lavorando ad appena 30 chilometri da noi. Non posso assolutamente credere, come sussurrano i maligni, che la sana rivalità Ascoli-Samb possa aver influito. E’ stata una piccola dimenticanza. Vero?»
Nazzareno Perotti

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.126 volte, 1 oggi)