CAVA DEI TIRRENI – Cavese-Samb. Momenti di tensione fuori e dentro il rettangolo di gioco. Del finale incandescente, con Ugolotti e il clan rossoblu che hanno sparato a zero sull’operato dell’arbitro e sul comportamento tenuto da qualche inserviente campano, abbiamo già detto.
Nervosismo però ce n’è stato anche al di fuori dello stadio Simonetta Lamberti, in virtù di una accesa rivalità, consolidatasi negli anni, nonostante questa partita non si giocasse da oltre un ventennio, tra le due tifoserie.
Un gruppetto di sostenitori metelliani ha infatti tentato di venire in contatto con gli ospiti, giunti a Cava in circa 200 unità.
Tentativo sventato dalle forze dell’ordine, il cui intervento ha portato al ferimento di un agente e di due tifosi, questi ultimi investiti da un automezzo della polizia stessa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.550 volte, 1 oggi)