ASCOLI PICENO – Il Venezuela di Chavez e il Piceno di Massimo Rossi a braccetto per lo sviluppo sostenibile: lo scorso 12 marzo ha fatto visita ad Ascoli Piceno il Ministro dell’Economia popolare della Repubblica del Venezuela Pedro Morejon.
«Il Venezuela è uno dei maggiori produttori mondiali di petrolio, ma crediamo nelle fonti rinnovabili, tanto che il 70% del nostro fabbisogno energetico proviene da fonti rinnovabili» ha affermato Morejon, accompagnato da una delegazione composta anche da Rodrigo Chavez, viceministro degli Affari Esteri, William Farinas, presidente dell’Istituto per il Credito Industriale “Foncrei” e Carlos Echezuria, deputato dell’Assemblea nazionale.
«Ho una bisnonna italiana» ha continuato il ministro venezuelano, «gli italo-venezuelani sono un milione e mezzo e con l’Italia e la provincia Picena in particolare è nato un rapporto proficuo grazie ad un interscambio che sta crescendo a ritmi sostenuti». Ma perché la nostra provincia attrae il Venezuela sul tema dello sviluppo sostenibile? «L’Italia e nel dettaglio le Marche il Piceno rappresentano un modello di sviluppo perché basato sulle piccole imprese e sulla qualità della vita».
Folta la partecipazione provinciale: oltre a Massimo Rossi, erano presenti vice presidente del Consiglio provinciale Giulio Saccuti e Cinzia Peroni, insieme ad una folta rappresentanza di autorità ed esponenti del mondo imprenditoriale, tra cui, il vice prefetto Marisa Marchetti, i sindaci di Ascoli Piceno Piero Celani e Folignano Pasquale Allevi, il presidente della Camera di Commercio Enio Gibellieri, il presidente della Società Piceno Promozione Algeo Marcozzi, il presidente dei giovani industriali Simone Mariani, il direttore di Assindustria Picena Luciano Vizioli, il responsabile della Lega Cooperative Marche Simone Cecchettini, il presidente di Frigo Tecnica Internazionale Giovanni Lucci e il titolare della Western & Co. Giovanni Cimini, aziende che hanno avviato importanti progetti imprenditoriali nel paese sud americano.

Presente anche il sindaco di Ascoli Piceno, Piero Celani, il quale ha ricordato lo stretto legame tra la nostra terra e il Venezuela, grazie soprattutto ai tanti emigranti che, nel secolo scorso, hanno tentato la fortuna al di là dell’oceano Atlantico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 666 volte, 1 oggi)