ACQUAVIVA PICENA – Sembrerà di sognare ai sostenitori dell’Acquaviva dopo i repentini cambiamenti di obiettivi a stagione in corso. Gli aranciocelesti sabato scorso hanno spodestato il Petritoli con una prestazione esemplare, confermandosi la terza forza del girone. A questo punto, in virtù dei 5 punti che separano l’Acquaviva dalla vetta, è lecito pensare a qualcosa in più? Lo chiediamo a mister Mascitti.
«Siamo partiti per salvarci e ci ritroviamo in una posizione d’alta classifica. Ad otto giornate dal termine, con uno scarto non impossibile dal vertice è logico crederci: cercheremo di vincere le restanti gare. La Società e il Presidente sono entusiasti del nostro cammino. Siamo felici di lottare fino alla fine».
Sabato c’è il big match con la capolista Comunanza.
«Ci giochiamo molto. Dobbiamo conquistare un risultato positivo per non far morire la speranza di arrivare primi. Siamo tranquilli, non abbiamo nulla da perdere. Sono sicuro che venderemo cara la pelle».
Chi le fa più paura del Comunanza?
«E’ una grande squadra. Ha un reparto difensivo difficile da scardinare tanto da essere il meno battuto. Il centrocampo vanta un giocatore del calibro di Starace e le punte sono molto veloci. Oltretutto fanno bel gioco. Sarà una gara molto tattica; lasciano poco spazio all’avversario e dovremmo stare attenti sulle palle inattive».
In vista della sfida di sabato Acquaviva al completo; dovrebbe rimanere fuori il solo Casagrande.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 404 volte, 1 oggi)