MANFREDONIA – Il Manfredonia cade in casa, per mano della Sambenedettese, dopo oltre due mesi: l’ultimo kappaò allo stadio Miramare era datato 17 dicembre (1-0 in favore della Salernitana).
Francesco D’Arrigo, subentrato a Danilo Pierini dopo la sconfitta di Ancona, commenta molto amareggiato l’1-0 maturato contro la Samb.
«Una brutta sconfitta, onestamente non abbiamo giocato bene, i miei giocatori sono stati poco brillanti dal punto di vista fisico, forse abbiamo sofferto il primo caldo della stagione».
Samb più mobile e pericolosa dalla cintola in su. Il tecnico dei sipontini condivide l’analisi: «In molte circostante siamo rimasti troppo fermi, non aggredendo gli spazi e consentendo ai nostri avversari di difendersi con ordine».
Più positivo il parere di D’Arrigo sulla ripresa. «Abbiamo dato il massimo, mettendo in campo tanto cuore: credo che alla fine il risultato più giusto fosse il pareggio. Purtroppo abbiamo sprecato un’occasione per staccarci definitivamente dalla zona play out. E’un peccato».
IL PEDERZOLI PENSIERO Tante recriminazioni anche per Alex Pederzoli, uno dei migliori, almeno nella prima frazione di gioco, del Donia. «Faceva caldo – spiega l’ex centrocampista della Pistoiese – chi segnava per primo vinceva l’incontro. Così è stato. Siamo stati troppo leziosi? Non credo, anzi, abbiamo dato tutto quello che avevamo da spendere. Dal punto di vista del carattere ritengo che il Manfredonia abbia fatto una buona gara. Ci tenevamo tantissimo, ma è andata male»..
Qualche collega della carta stampata pugliese prova a chiedere: un pareggio il risultato più giusto? «Sicuramente un punto ci avrebbe fatto molto comodo e credo che non sarebbe stato uno scandalo, il loro portiere ha fatto un miracolo strepitoso a inizio secondo tempo», replica Pederzoli, che da ultimo si lascia andare ad una considerazione sull’arbitraggio del signor Gambini: «Non sono abituato a commentare l’operato dei direttori di gara, però mi è sembrato nelle situazioni metà a metà l’arbitro abbia sempre deciso in favore della Samb. All’inizio c’era un rigore su Alteri e poi, a quanto mi dicono i dirigenti, ci sono molto dubbi sul fuorigioco fischiato sempre ad Alteri».
MARINO ELOGIA UGOLOTTI Amaro pure il commento del centrocampista biancoceleste Domenico Marino: «Il Manfredonia è stato veramente sfortunato. L’impegno non è certo mancato, e neanche le occasioni da gol per pareggiare. Forse nella ripresa abbiamo fatto un po’ troppa confusione, la Samb ha giocato come mi aspettavo: conosco molto bene mister Ugolotti che ho avuto con me ad Acireale, e so come fa giocare le sue squadre. È un allenatore serio e preparato che farà sicuramente carriera».
Ha collaborato Roberto Raneri

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 535 volte, 1 oggi)