MARTINSICURO – «Da quando è caduta la giunta Maloni, abbiamo sentito e letto solo attacchi e critiche all’amministrazione uscente. Nessuno invece ha ancora detto cosa di buono è stato fatto in questi cinque anni di governo del centrosinistra a Martinsicuro».
Questo il motivo che ha indotto l’ex assessore all’Ambiente Mario Marano Viola e il portavoce dei Verdi locali Marco Foglia a dire la loro sulla fine anticipata dell’amministrazione di centrosinistra a Martinsicuro.
«Riteniamo invece importante compiere un atto di riparazione nei confronti di tutti i cittadini che finora hanno visto solo offuscare la verità sulle cose effettivamente realizzate a Martinsicuro».
Viola non risparmia le critiche verso coloro che hanno determinato la caduta della giunta a soli tre mesi dalle elezioni, mentre Marco Foglia ipotizza che la diatriba sul sottopasso di via Colombo sia stato solo un pretesto per affossare la Maloni, mentre a monte ci sarebbero state «motivazioni ben più importanti».
E Viola aggiunge: «È probabile che “poteri forti” si siano coalizzati con alcune componenti di vari partiti. E per poteri forti – prosegue l’esponente dei Verdi – intendiamo i poteri delle grandi famiglie di costruttori che hanno mire sul territorio di Martinsicuro, ma che sono sempre stati ostacolati nei loro progetti dal fatto che ora devono rispettare precisi vincoli di sostenibilità ambientale nel Piano regolatore e per questo si sentono imbrigliati. Basta con le decisioni prese negli studi professionali e poi imposte ai pubblici amministratori».
Viola e Foglia ipotizzano scenari a cui finora non era mai stato fatto riferimento, ma si dicono del tutto consapevoli che la politica dell’amministrazione Maloni – sempre molto attenta alla tutela e alla salvaguardia dell’ambiente – possa aver dato fastidio a molti.
«Se le passate amministrazioni preferivano asfaltare le strade per accaparrarsi qualche voto in più – dice Viola – noi Verdi con la giunta Maloni abbiamo invece pensato di portare Martinsicuro ad un livello di politica sostenibile e ambientale che ha raggiunto i traguardi europei. Ricordiamo che la nostra è stata la prima amministrazione che nel 2003 decise di effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti, prima stradale e poi porta a porta. Poi tutti gli altri comuni vicini ci hanno seguito. Siamo stati la prima località del centro-sud ad istituire un piano idrogeologico comunale, indispensabile per un corretta attuazione del Piano regolatore, e una delle prime in Abruzzo ad elaborare un Piano di classificazione acustica, per il quale abbiamo anche ricevuto dei fondi dalla Regione».
«Non dimentichiamo poi l’attuazione del progetto Etica (Emas for Tourism in Internal and Coastal Area), per il quale il Comitato Europeo di Valutazione del Progetto ha elogiato pubblicamente l’amministrazione Comunale di Martinsicuro per l’attuazione delle politiche ambientali innovative rispetto agli altri comuni abruzzesi».
Infine alla domanda su come si organizzeranno i Verdi in vista delle prossime elezioni di maggio, Viola risponde che lavoreranno per l’unità del centrosinistra, anche se non nasconde che il cammino sarà denso di difficoltà. Ribadisce l’importanza delle primarie per la scelta del candidato sindaco e qualora venisse fuori una preferenza per la Maloni, i Verdi saranno pronti a sostenerla con forza».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 969 volte, 1 oggi)