Joints-Adriatica 73-85
JOINTS: Ciardelli 14, Riccardi 10, Nespeca 6, Valori 10, D’Incecco 10, Mattioli 12, Falà
7, Ciccorelli 4, Camerano, Pulcini. Allenatore: Reggiani.
PORTO RECANATI: Barboncini 13, Quarchioni 7, Sorgoni 8, Manoni 8, Giampieri 7, Scaradozzi 7, Astuti 17, Malatini 18, Palombi, Attili. Allenatore: Filippetti.
Arbitri: Ciarloni e Balletti.
Parziali: 23-18, 48-36, 57-54.
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Come una settimana fa, la Joints domina per quasi tre quarti di gara, ma alla fine si deve arrendere cedendo per 85-73 al Porto Recanati in un PalaSpeca ancora a porte chiuse causa squalifica. Una sconfitta figlia ancora una volta delle difficoltà fisiche del team rossoblu (Mattioli e Riccardi al rientro, Valori febbricitante) che impediscono di tenere alto il ritmo per tutti i 40′.
In apertura la Joints si affida alla coppia Ciardelli-Riccardi per scardinare la difesa ospite, mentre Valori e Mattioli danno il loro apporto col tiro dalla distanza (23-18). I ragazzi di Reggiani non sbagliano nulla, mentre Recanati, terza in classifica, deve affidarsi ai numeri di Malatini per non farsi travolgere (48-36).
Al rientro sul parquet i padroni di casa sembrano in grado di tenere ancora alto il ritmo, ma dopo 3′ smarriscono la via del canestro, realizzano appena 9 punti permettendo agli ospiti di riportarsi in gara (57-54).
L’ultimo quarto vede i padroni di casa in difficoltà per la stanchezza e i troppi falli di cui una direzione arbitrale non all’altezza li ha caricati. Dopo il sorpasso di Porto Recanati (59-60) Valori prova a prendere per mano la squadra, ma gli avversari mantengono la lucidità necessaria per rintuzzare i tentativi sambenedettesi e allungare nel finale.
Prossimo impegno ancora al PalaSpeca (sabato, ore 21), avversario il Chiaravalle.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 426 volte, 1 oggi)