SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Grande attesa per la musa della canzone francese  Juliette Greco, che sarà a San benedetto per un magico concerto sabato 17 marzo al Teatro Calabresi. È il primo appuntamento del 13° Festival Ferré organizzato dalla fondazione Ferré con la direzione artistica di Giuseppe Gennari e Maurizio Silvestri.

Dopo i trionfi dei cinque concerti tenuti a Parigi per festeggiare i suoi ottanta anni appena compiuti, la Greco torna a San Benedetto per la terza volta.

«Questo concerto rappresenta un grande spettacolo per celebrare il doppio ventennale» ha esordito il professor Giuseppe Gennari «quello del Festival Ferrè e quello della Greco; era infatti il 1987 quando è iniziata la nostra avventura, e nello stesso anno Juliette Greco ha tenuto il suo primo concerto in città».

Come è ormai tradizione, gli spettacoli del festival hanno una grande risonanza nazionale, ma ancora di più in questa occasione: Raisat Extra ha chiesto di poter fare un’intervista all’artista nata a Montpellier e di poter girare un documentario sulla partecipazione della grande artista. Saranno presente giornalisti de l‘Unità, e  La Repubblica farà uscire un’intervista, in occasione dell’evento, proprio sul numero di ‘Venerdì’ del 16 marzo.

«Sono molto orgogliosa di questo evento» ha affermato l’assessore alla Cultura del Comune di San Benedetto Margherita Sorge «per il prestigioso personaggio e perché la sua presenza rappresenta un fil rouge che passa attraverso il Ferrè».

Nell’occasione il Centro attribuirà a Juliette Greco la Targa Léo Ferré 2007 “per aver tramutato in emozioni senza tempo l’anima poetica della canzone francese”, mentre l’Amministrazione Comunale le consegnerà le chiavi d’oro della città quale riconoscimento del suo contributo artistico al patrimonio culturale di San Benedetto stessa.

Nel concerto, la nobile interprete dell’esistenzialismo presenterà un programma nuovo fatto di canzoni intime, mai cantate, per celebrare quei testi che erano da sempre nel suo cuore, tra le altre: Avec le temps, Over the rainbow, un jour tu verras e la nostra Volare.

Un appuntamento prestigioso da non perdere, infatti nei brani cantati dalla Greco non ci sono solo note e parole, ma vi è rappresentata una parte di storia culturale del pensiero e del costume della sua Francia, con tutto lo slancio verso la libertà.

Un manifesto realizzato da Ugo Nespolo celebrerà l’evento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.191 volte, 1 oggi)