Bit. Bit per chi non lo sapesse è l’acronimo di Borsa internazionale del turismo. Sono tifoso interista, ritengo che Mancini sia un ottimo allenatore e anche un marchigiano doc per la sua carriera di calciatore e di uomo. Solo 36 gare in Nazionale perché ha avuto da calciatore evidenti difficoltà di ambientamento perché nessun Commissario è riuscito a farlo trovare a casa sua con la maglia azzurra. Tutto bene, quindi anche quella di sceglierlo come uomo immagine del turismo nostrano, da Gabicce a San Benedetto del Tronto.

Sbagliatissima, invece, la foto con la quale Roberto Mancini identifica la nostra costa adriiatica: tutta piana e con spiagge larghe tranne la zona anconetana del Conero. A parte che la stessa frastagliata costa tra Numana e Sirolo non potrà mai competere con quelle tirreniche (Campania, Calabria) e liguri (Genova), non si può far credere al turista una cosa per un’altra. Scusate il campanilismo ma l’immagine della Riviera delle Palme (per esempio una delle tante di Adriano Celiini) con mare, verde e orizzonte che si intersecano in uno scenario da sogno, sarebbe stata la foto ideale da mettere sulle mani dell’attuale allenatore dell’Inter. Quanto tempo durerà questa stupida, assurda e deletaria sudditanza nei confronti del capoluogo dorico? Fino a quando le Marche rimarranno… basse. Di nome e di fatto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.111 volte, 1 oggi)