SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Valorizzare le proprietà dell’Asur 12 di San Benedetto prima di procedere l’annunciata dismissione della sede di via Romagna necessaria per reperire nuove risorse finanziarie. E’ la proposta lanciata dal Pri, attraverso il segretario politico Antonio Merlini: «In riferimento alle esigenze dichiarate dal nuovo Direttore del nostro nosocomio sarebbe opportuno approvare una variante urbanistica che assegni all’immobile una destinazione residenziale onde aumentare il valore d’asta del complesso».

Merlini suggerisce anche l’acquisto degli immobili posti lungo la Statale 16, di fronte all’ospedale: «L’Asur, salva diversa interpretazione delle leggi sui pregressi beni ospedalieri, è proprietaria di un’area collinare che, se valorizzata urbanisticamente, sempre nel rispetto dei vincoli, potrebbe costituire un’altra riserva finanziaria decisiva per esempio per l’acquisizione degli immobili posti lungo la statale 16, prospicenti la sede Ospedaliera molti dei quali fatiscenti ed abbandonati, per i quali è stato posto un vincolo di destinazione ospedaliera».

Per il segretario del Pri si tratterebbe di due opportunità in cui non mancherebbe il prevalente interesse pubblico che dovrebbe motivare una variante al PRG.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 408 volte, 1 oggi)