SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tutto come prima al Riviera delle Palme. Come avevamo già anticipato su queste pagine venerdì.

Il giro di vite previsto dal decreto Amato, avendo l’impianto marchigiano una capienza inferiore alle 10 mila unità, non cambia la sostanza delle cose: cancelli aperti in Viale dello Sport, con abbonati e paganti che entreranno regolarmente nei rispettivi settori, ma soprattutto disco verde per i tifosi della Salernitana, che, pur non avendo potuto acquistare i biglietti in Campania – la Lega nei giorni scorsi aveva imposto il veto in merito all’invio degli stessi da parte del sodalizio marchigiano – vedranno la partita in Curva Sud e compreranno i tagliandi direttamente al Riviera.

Il Capo di Gabinetto della Questura di Ascoli Piceno Maurizio Collina, in contatto con il collega salernitano, ha fatto sapere che è previsto l’arrivo «di circa trecento tifosi granata».

Speriamo ora che le due tifoserie diano prova di maturità, vivendo la partita di domenica pomeriggio in maniera civile e intelligente.

LA CAPIENZA DEL RIVIERA SOTTO LE 7.500 UNITA’? Per questa stagione, stante il parere positivo dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, l’impianto rossoblu potrà ospitare regolarmente tifosi, di casa e ospiti, senza alcun tipo di limitazione, a meno che il Prefetto di Ascoli Piceno non opponga veto, considerando a rischio determinati incontri.

Per il prossimo campionato invece la Samb dovrà mettersi in regola con il decreto Pisanu (tornelli, steward, biglietti nominali, zone di prefiltraggio e così via), ipotesi che, in virtù degli alti costi annessi, crediamo improbabile; oppure chiedere di abbassare la propria capienza, attualmente pari a 9.999 unità, al di sotto delle 7.500 unità, nuovo limite al di sotto del quale iclub sono al di fuori di qualsiasi vincolo, come previsto dal disegno di legge varato assieme al decreto Amato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 711 volte, 1 oggi)