ASCOLI PICENO – Sul problema della violenza negli stadi, interviene il sindaco Piero Celani, quale delegato dell’Anci nazionale per lo studio della sicurezza negli impianti sportivi.

Alla famiglia dell’ispettore Raciti invio il profondo cordoglio della città tutta di Ascoli Piceno e solidarietà alla Polizia di Stato e a tutte le Forze dell’Ordine che ogni domenica garantiscono il servizio d’ordine negli stadi.

Condivido le misure drastiche adottate dal Governo in seguito ai gravissimi fatti di Catania per porre un freno agli episodi di violenza negli stadi. La morte dell’ispettore Raciti, vittima di delinquenti che nulla hanno a che vedere con il mondo dello sport, non poteva restare senza risposte adeguate. Era importante quindi un segnale di estremo rigore perché non si abbiano più a ripetere vicende come quella di Catania dove un servitore dello Stato ha pagato con la vita l’impegno a garantire la civile convivenza nello sport più amato dagli italiani.

Sul fronte della sicurezza negli stadi e degli stadi, vorrei però ribadire lo sforzo compiuto dai Comuni per far fronte alle loro competenze, così come stabilito dal decreto Pisanu che riserva, occorre ricordarlo, altre responsabilità alle stesse Società di calcio che gestiscono gli impianti sportivi.

Ma in questo momento di grande dolore e di emergenza credo che dobbiamo stare attenti perché questa situazione non ingeneri una pericolosa deriva che porterebbe a realizzare fortini dentro le città e questo farebbe venire meno il momento dell’aggregazione sociale.

Occorre invece agire in direzione di un radicale cambio di cultura sportiva, riappropriandoci dei valori propri dello sport: lealtà, civiltà, amicizia e perché il gioco del calcio ritorni ad essere un momento di festa per tutta la famiglia.

Circa la privatizzazione degli stadi esistenti, vorrei ricordare che sul tema l’Anci è sempre stata molto cauta per risvolti che possono essere radicali. C’è il rischio, infatti, che la squadra finisca col non essere più un patrimonio della città ma un bene esclusivo della Società sportiva della quale ne seguirebbe le fortune, così come l’impianto sportivo che, invece, dovrebbe essere un bene pubblico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 415 volte, 1 oggi)