ASCOLI PICENO – Un’istallazione nella sede della Provincia commemorerà la tragedia della Shoah, nella “Giornata della Memoria”.

L’installazione, nella sala stucchi di Palazzo San Filippo dal 26 gennaio, è stata creata dall’artista sambenedettese Teodosio Campanelli ed è formata da un grande pannello rosso, su cui si trova l’imponente scritta in nero “no more” (mai più) ed un filo spinato spezzato. L’opera simboleggia chiaramente la tragedia – il rosso simboleggia il sangue delle vittime – il cui ricordo è ancora vivo.

Teodosio Campanelli è un artista versatile, che ha sempre mostrato grande sensibilità ed impegno con una continua ricerca interiore. Ha fatto importanti esperienze artistiche, esponendo le sue opere in spazi prestigiosi. Essi si trovano, infatti, all’accadamia d’arte di Roma, al museo nazionale di Stoccolma, al Jacob Center di New York e al museo nazionale di Budapest. Il suo ultimo lavoro la “Gerusalemme Celeste”, grande opera ispirata all’apocalisse, ha arricchito la recente ristrutturazione della piazza San Filippo Neri a San Benedetto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 504 volte, 1 oggi)