CUPRA MARITTIMA – Altri passi avanti per il Parco Archeologico. Nei giorni scorsi il sindaco di Cupra Giuseppe Torquati, assieme alla dottoressa Patrizia Fortini e all’ingegnere Pietro Montenovo e ad alcuni responsabili della ditta Aertecno hanno incontrato la Soprintendenza archeologica delle Marche Giuliano De Marinis, il quale ha espresso un suo parere positivo riguardo il progetto di intervento nella sede archeologica.

«C’è un intenso lavoro di preparazione attorno al progetto del parco archeologico – ha spiegato il sindaco Giuseppe Torquati – Questa prima fase è dedicata al lavoro di ricerca e quindi alla realizzazione di documenti e di tavole realizzate con strumenti avanzati, in grado di ridurre gli errori: il sito archeologico di Cupra Marittima si preannuncia estremamente interessante forse più di quanto ci si sarebbe aspettati».
L’ambizioso progetto dovrebbe dar vita a un museo archeologico a cielo aperto, un parco che consolidi e valorizzi gli scavi del Foro romano e dei Ninfei  (principale e minore) e li ponga in collegamento attraverso percorsi tematici con l’Abbazia di Santa Maria in Colle Bona, con quella di San Michele in Villa Magna, con i Bagni di Nerone, con le Mura Mignini e la Pieve di San Basso che poi potrebbe diventare la sede del museo archeologico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 390 volte, 1 oggi)