SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Week-end insolito quello che il mondo del pallone ha appena trascorso. «Trovo corretto fermare per due turni il campionato visti i recenti fatti di violenza avvenuti sui campi di gioco», ha commentato il tecnico del Porto d’Ascoli Dino Grilli.
«Condivido la linea dura della Lega. Sono state fatte troppe chiacchiere, è ora di agire. Anche se a pagare poi sono tutte le società, pure quelle estranee. Lo stadio deve tornare luogo di aggregazione e divertimento».
A breve i massimi esponenti del calcio dovrebbero far sapere quando si riprenderà a giocare. «Solo alla ripresa delle partite, in base al risultato ottenuto, dirò se lo stop ci ha favorito o danneggiato – ha proseguito l’allenatore – ci aiuta nel recuperare i giocatori infortunati ma ci toglie lo quel pizzico di carica accumulata con la vittoria di due sabati fa. L’unico e serio problema rimane il tipo di allenamento da sostenere. Ecco perché chiedo subito chiarezza specie per chi come noi gioca per passione».
Intanto il Porto d’Ascoli disputerà un’amichevole mercoledì sera al Ciarrocchi contro il Sant’Omero, formazione che milita nel campionato di Promozione abruzzese. Se verranno confermate le due settimane di stop, i biancocelesti sabato prossimo disputeranno un’amichevole con la Futura.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 210 volte, 1 oggi)