GROTTAMMARE – Il sorprendente Grottammare contro la capolista Valle del Giovenco. Al Pirani domenica prossima si gioca l’incontro di cartello della ventunesima giornata del girone F di serie D.
Due squadre in salute. I marchigiani sono reduci da sette risultati utili di fila e hanno messo in cassaforte 15 punti; gli abruzzesi dal canto loro vantano un’imbattibilità che dura da quindici domeniche. Di più: il ruolino di marcia della formazione gialloverde parla di dodici vittorie e di tre pareggi, con l’ultima sconfitta che risale allo scorso 15 ottobre (2-1 a Fano). Un’eternità.
Daniele Amaolo rende merito alla prima della classe. «I risultati che hanno ottenuto fino ad ora non hanno bisogno di ulteriori commenti. Per noi sarà una partita difficilissima, che al tempo stesso ci potrà fornire indicazioni importanti in merito alla nostra forza. Mi dispiace solo di non poter disporre dell’organico al completo».
Mancherà infatti capitan Del Moro (al suo posto Oddi), appiedato dal Giudice Sportivo per tre giornate, mentre Manni, uscito malconcio dall’Helvia Recina di Macerata, è in forte dubbio, anche se il tecnico biancazzurro fa capire che lo staff tecnico farà di tutto pur di poterlo recuperare in extremis. «Mancandoci Del Moro, non posso escludere che alla fine non rischieremo Manni. Purtroppo abbiamo a disposizione poche alternative, l’organico è quello che è».
Si faceva riferimento alla partita di Macerata. Un buon punto, ma soprattutto una bella dimostrazione di forza. «E’ vero», risponde convinto Amaolo, «Non era facile rimettere in piedi la gara, con un uomo in meno e senza Manni. Eppure ci siamo riusciti, facendo leva sul carattere e la voglia di lottare fino all’ultimo secondo. Le recriminazioni della Maceratese? Anche noi possiamo lamentarci per la mancata concessione di un calcio di rigore, per il fallo di mano di Montesi sul cross di Puglia».
E a proposito del giovane centrocampista biancazzurro, fresco di convocazione nella rappresentativa di serie D che a partire dal 7 febbraio disputerà il Torneo di Viareggio, il giocatore sarà regolarmente in campo domenica. Semmai salterà l’incontro successivo, che vedrà il Grottammare di scena sul campo del Penne.
Tornando alla partita con la capolista, mister Amaolo vuole capire fino a che punto possono spingersi le ambizioni della sua squadra. «E’ ancora presto per esprimere certi giudizi, diciamo che alla fine di febbraio potremmo capirci qualcosa in più. Se saremo ancora in alto, magari si potrà cominciare a fare un pensiero ai play off, anche se sono convinto che sarà molto dura. Ad ogni modo quella contro la Valle del Giovenco sarà una sfida molto importante in questo senso. Chi ha più da perdere? Tutte e due le squadre: noi vogliamo continuare a fare bene, loro sono determinati a mantenere la leadership e magari distanziare ulteriormente le inseguitrici». Vinca il migliore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 430 volte, 1 oggi)