SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dall’altra parte del telefono il direttore sportivo della Samb Peppino Pavone taglia corto: «Nessuna novità». Il dirigente rossoblu, in Lombardia per le ultime ore di calciomercato, accompagnato peraltro dal direttore generale Claudio Molinari e dal presidente Gianni Tormenti, ha vissuto una giornata interlocutoria.
Pavone si è incontrato con il procuratore del portiere polacco Rafal Zygmunt Dobrolinsky, che, in prova a San Benedetto nelle scorse settimane passate aveva convinto lo staff tecnico rossoblu, ma le parti non hanno ancora trovato l’accordo.
Tutto fatto invece per quello che riguarda il passaggio dell’attaccante Matteo Momentè al Venezia. Il giocatore di Jesolo è tornato di proprietà dell’Inter, club che a sua volta lo ha girato alla società arancioneroverde. Per il resto difficile che ci saranno novità, come conferma lo stesso Pavone («Non dobbiamo chiedere più niente al mercato»), sia in entrata che in uscita.
E Morante? Improbabile, anche in questo caso, che pervenga al club marchigiano un’offerta irrinunciabile. Perchè? Il Gallipoli ha tesseratos il bomber italo-argentino Juan Manuel Sara, che finora ha vestito la maglia del Vaduz (serie B svizzera), segnando 11 gol in 16 partite, come pure la Salernitana, altro club che pareva interessato all’attaccante romano, è vicina all’ingaggio della punta del Padova Sinigaglia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 947 volte, 1 oggi)