MONTEPRANDONE – Un sogno che diventa realtà: una pista ciclabile in terra battuta che, costeggiando il fiume Tronto, arriva fino al mare. Questa sarà, probabilmente, una delle novità più apprezzate dai cittadini di Monteprandone e dell’intera Vallata del Tronto.

assessore al Bilancio di Monteprandone, Romano Speca, afferma infatti che «abbiamo già impegnato la somma di 115 mila euro a cui si aggiunge un contributo della Provincia, in questa prima fase, di ulteriori 45 mila euro. Così partirà un primo stralcio di lavori che, partendo dal confine con Monsampolo del Tronto, arriverà fino alle porte del nuovo Parco Naturale della Sentina con una pista in terra battuta lungo l’argine rialzato che costeggia il fiume».

Per oltrepassare i fossi, invece, saranno realizzati «ponticelli in legno». Per Speca, esponente della Federazione dei Verdi, c’è particolare «soddisfazione per il risultato ottenuto avendo trovato, dopo un lungo lavoro di contatti ed iniziative, la forma tecnica e finanziaria per realizzare finalmente l’opera». L’assessore al Bilancio, infatti, ricorda come «il progetto di realizzare la pista ciclabile sull’argine del fiume Tronto esiste da diverso tempo, finalizzato dal completamento del circuito che da Ascoli Piceno porterà al mare e, quindi, fino a Cupra Marittima; la pista ciclabile lungo il territorio di Monteprandone è poi uno degli interventi inseriti fin dall’inizio nel programma delle opere pubbliche dell’attuale amministrazione».

Speca, però, sottolinea come «fino ad ora difficoltà di carattere progettuale e logistico ed altre priorità finanziarie avevano impedito la realizzazione dell’opera, mentre oggi la sensibilità ambientalista della giunta Menzietti e la collaborazione con la Provincia hanno permesso di trasformare lo studio preliminare dei tecnici provinciali in un progetto esecutivo a cura degli uffici comunali di Monteprandone». Nel corso del 2007 inoltre la Provincia curerà uno stanziamento finanziario in modo che la pista ciclabile possa collegare direttamente Ascoli a San Benedetto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.189 volte, 1 oggi)