SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Undici giornate di squalifica sono una punizione assolutamente ingiustificata e priva di logica, contro la quale ricorreremo in ogni sede». Lo afferma il presidente della Joints Basket Club San Benedetto, Tonino Valori, dopo la comunicazione dei provvedimenti disciplinari a carico della società rossoblu.
La contestazione al secondo arbitro, giunta al termine della partita di sabato scorso contro Cagli è stata, infatti, punita con undici giornate di squalifica del PalaSpeca, due giornate a testa all’allenatore Andrea Reggiani e al play Federico Riccardi e un’ammenda al sodalizio rossoblu pari a 449,40 euro.
Una decisione assurda, contro la quale il Basket Club ha presentato questa mattina ricorso. «Una simile punizione farebbe pensare a una sommossa popolare o a un palazzetto messo a ferro e fuoco, non certo al reale andamento dei fatti», spiega Valori.
«Basti dire che l’invasione di campo scritta nel referto è costata sei delle undici giornate di stop si riferirebbe al fatto che alcuni spettatori si sono affacciati dalla balaustra per contestare uno degli arbitri. Considerando che San Benedetto è sempre stata una delle piazze più tranquille del campionato, non si capisce per quale motivo si voglia infliggerci una simile “mazzata”, che ci impedirebbe, in pratica, di giocare al PalaSpeca per tutto il resto della stagione, più una parte della successiva».
Ma le stesse giornate di squalifica a Riccardi e Reggiani sembrano eccessive rispetto all’andamento dei fatti. Tutto era nato in seguito ad alcune decisioni contestate del secondo direttore di gara, il quale aveva successivamente espulso prima il capitano della Joints, reo di avergli segnalato che un giocatore del Cagli lo aveva insultato, e, conseguentemente, l’allenatore rossoblu, obbligato a lasciare il campo perché la sua panchina aveva subìto il terzo ”tecnico”.
«Non è un periodo fortunato con i direttori di gara, considerato anche quanto accaduto a Pesaro – conclude Valori -, ma che gli errori altrui debbano costarci non solo due gare ma anche il resto della stagione non siamo disposti ad accettarlo».
E sabato prossimo la Joints renderà visita alla Cestistica Ascoli, in un derby molto delicato per i rossoblu reduci da tre sconfitte consecutive.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 481 volte, 1 oggi)