SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Fascismo e Resistenza nel Piceno” è la mostra organizzata dall’assessorato alla cultura per commemorare la “Giornata della memoria”.

Trenta pannelli, realizzati a cura della professoressa Maria Grazia Battistini dell’Istituto Statale d’Arte “O. Licini” di Ascoli in collaborazione con Costantino Di Sante, presidente dell’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione racontano la storia del Fascismo e della Resistenza con una sezione in particolare sul tema dell’internamento nel campo di Servigliano e delle deportazioni nella provincia di Ascoli Piceno.

All’interno della mostra, allestita al piano terra del Comune e visitabile fino al 12 febbraio, viene proiettato un video della durata di circa dieci minuti. La mostra fu presentata per la prima volta nel 2002, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi con il contributo della Provincia di Ascoli Piceno, in occasione del conferimento alla città di Ascoli della Medaglia d’Oro per attività partigiana.

La “giornata della memoria” è stata istituita dalla legge n. 211 del 20 luglio 2000, “in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti”.

Il Comune di San Benedetto ha organizzato anche altre attività per commemorare il 27 gennaio: per le quinte classi delle scuole elementari, all’auditorium comunale, verrà proiettato il documentario “Arrivederci ragazzi” di Louis Malle a cura della Fondazione Bizzarri (venerdì 26 -I° e III° Circolo- ore 9,00 e ore 11,00 e lunedì 29 gennaio ore 9). 

Per le scuole medie sempre venerdì 26 gennaio, alcuni relatori parleranno dei temi oggetto della “Giornata della memoria” alle terze classi delle quattro scuole cittadine: Maria Pia Silla alla scuola Cappella, Emilio Vita alla scuola Sacconi, Tito Pasqualetti alla Manzoni e Olimpia Gobbi alla Curzi.

Sabato 27 gennaio alle ore 10, nella sala consiliare del Comune si svolgerà la commemorazione istituzionale, con i Sindaci dei 14 Comuni dell’Ambito socio-sanitario, insieme a quelli di Colonnella e Martinsicuro, ed a autorità civili e militari, e alle quinte classi del Liceo Scientifico e del Liceo Classico.

Il programma prevede il saluto del Sindaco Gaspari, l’intervento del Sindaco di Ripatransone Paolo D’Erasmo (un sindaco a rotazione interverrà ogni anno a nome di tutti), di Oliva Sori dell’Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nelle Marche su “Il perché della Memoria”, di Antonio D’Isidoro, della sezione della provincia di Ascoli Piceno dello stesso Istituto, su “Primo Levi: lo scrittore” (nel 2007 ricorrono infatti i vent’anni dalla morte dell’autore). 

Alle ore 12 verrà rispettato un minuto di silenzio in tutti gli uffici pubblici e le bandiere saranno a mezz’asta. Alle 15 prenderà il via da Piazza Bambini del Mondo la marcia della pace organizzata dall’“Azione cattolica ragazzi diocesana”; chiuderà la comemmorazione alle ore 18 all’Auditorium Comunale il concerto dell’Orchestra da Camera delle Marche, con Luca Marziali violino solista, e Patrizia Sciarroni voce recitante.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 266 volte, 1 oggi)