SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Scintille e momenti di forte attrito durante l’incontro che nel pomeriggio di lunedì 22 gennaio si è svolto nell’aula consiliare, tra il sindaco Giovanni Gaspari e gli Imprenditori Turistici Balneari di San Benedetto (Itb). Molti gli argomenti affrontati e le richieste avanzate dai concessionari sambenedettesi, che andremo ad illustrare con una serie di articoli separati, per meglio focalizzare le questioni (in allegato il documento dell’TB, formato Pdf).

Durante l’incontro, moderato da Adriano Federici, presidente di Confindustria di Ascoli Piceno, erano presenti, oltre il sindaco Giovanni Gaspari e Giuseppe Ricci, presidente dell’Itb, l’assessore al Turismo Domenico Mozzoni, l’assessore alla Pesca Settimio Capriotti, e, successivamente, anche del presidente dell’Assoalbergatori di San Benedetto Pericle Guidotti.
In questo primo articolo analizzeremo la discussione che si è svolta in merito alla possibilità di completare i lavori per il nuovo lungomare (entro l’estate sarà completato il tratto fino a Las Vegas).

NUOVO LUNGOMARE Alla domanda di un imprenditore turistico, il sindaco Gaspari è stato netto: «Il lungomare sarà completato, questo è certo. Però – ha continuato – bisognerà stabilire in che modo finanziare quest’opera. Tutto il lungomare viene a costare circa 15 milioni di euro, e per la parte da Las Vegas a nord ne servono almeno altri 8 milioni. E per finanziare questo investimento o dovremmo accendere un mutuo, o dovremo vendere delle quote di alcune società partecipate».

A questo punto il sindaco di San Benedetto ha fatto riferimento alla possibilità di una contribuzione ad hoc da parte dei concessionari di spiaggia per il nuovo lungomare, al che si sono sollevate numerose proteste in aula. In particolare, un imprenditore turistico ha richiamato Gaspari affermando che «sul lungomare passeggiano tutti i cittadini, anche quelli di Acquaviva, ed è un beneficio per tutti, compreso lei, sindaco. Quando è stato ristrutturato il centro, non si è chiesto ai commercianti di pagare quei lavori!».

Secca la risposta del primo cittadino: «Per me è un beneficio fisico, per voi economico».
Ad ogni modo, riguardo il tratto al momento in rifacimento, Gaspari ha affermato che potrebbe essere pronto prima della scadenza preventivata, grazie alle buone condizioni atmosferiche di questo inverno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.977 volte, 1 oggi)