Polisportiva Lazio-Hc Monteprandone 30-11 (14-5)

POLISPORTIVA LAZIO: Ameli, Larosa 8, Salligano 1, Floro, Casareale 4, Giaccio, Melonati 7, Nadalio 2, Pericle 3, Santini, Teofile 3, Uneddo 1, Similea 1, Denis. Allenatore: Lanciano.

HC MONTEPRANDONE: Saladini A., Ascolani 1, Sbe, Fanesi, Romandini, Gabrielli P., De Cugni 6, Poletti M., Poletti D. 2, Antoniozzi, Saladini R. 1, Amato, Falà, Gabrielli M.

ARBITRI: Panno e Galbiati.

ROMA – «In virtù delle forze che avevamo a disposizione possiamo ritenerci soddisfatti. Onestamente non potevamo chiedere di più a questa partita».

Così Pierpaolo Romandini, capitano, stante l’assenza di Fabio Poletti, della Troiani & Ciarrocchi Monteprandone al termine della sfida in casa della Polisportiva Lazio. Sacrosanta verità: gli uomini di caoch Iadarola, orfani, oltre che del già citato Fabio Poletti, di Consorti, Sciamanna e Bisirri, tutti infortunati, poco potevano al cospetto della formazione che comanda il girone D di serie B.

E’ amaro anche stavolta il viaggio nella Capitale. A Roma, dopo la sconfitta contro la Virtus, si era concluso il 2006 dei celesti e sempre a Roma è cominciato (allo stesso modo) il 2007. Monteprandone ha resistito fino al 20′ del primo tempo, col risultato di 7-5 in favore dei locali. A quel punto i celesti hanno mollato la presa e la Lazio ha preso il largo, concludendo il primo tempo in vantaggio di 9 reti.

Facile facile lo spartito dell’incontro: gli ospiti a sbattere sul muro difensivo eretto dai capitolini, i padroni di casa concreti negli ultimi metri. Unica consolazione per i marchigiani il fatto di aver dato l’opportunità ai tanti giovani di fare un po’ d’esperienza. Positivo anche l’esordio del portiere, ex Acli Ascoli, Mauro Gabrielli, in campo per tutto il primo tempo e, a dispetto del parziale (14-5), autore di buone parate.

Sabato prossimo per i celesti appuntamento delicatissimo contro Gaeta. Al Colle Gioioso Romandini e soci sono costretti a vincere, almeno se non vogliono vedersi complicare ulteriormente una classifica che li vede stazionare nelle ultime posizioni.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 569 volte, 1 oggi)