CUPRA MARITTIMA – Riparte la stagione teatrale cuprense: venerdì prossimo, 19 gennaio, con la rappresentazione di “La campagna ‘lettorale” della Compagnia “Lucaroni” di Mogliano, infatti, partirà ufficialmente la XXVII Rassegna dell’Inverno Teatrale Cuprense: numeri che collocano Cupra Marittima al secondo posto nelle Marche, almeno per quanto riguarda la longevità delle rassegne di teatro amatoriale.
«Certo, abbiamo difficoltà con le strutture» ha commentato uno degli organizzatori, Franco Regi, «perché il Cinema Teatro Margherita è nato, per l’appunto, come Cinema: è piacevole in platea, ma il palco e i camerini sono rimediati. E dire che, vent’anni fa, siamo partiti sistemando un furgone dietro il palco, e poi un camper, per far cambiare gli attori!» Problemi che però non hanno mai scoraggiato gli organizzatori né il pubblico cuprense, accorso sempre in massa alle rappresentazioni, «anche perché, specie inizialmente, gli attori erano quasi tutti di compagnie di Cupra». Un’assiduità nelle rappresentazioni che ha consentito, come ricorda sempre Regi, «al pubblico cuprense di sviluppare un elevato senso critico, tanto che delle opere che vengono rappresentate in altre città marchigiane con notevole successo, qui, a volte, sono criticate, perché il palato dei cuprensi oramai è molto fine».
Il programma completo di questa rassegna prevede (tutti gli spettacoli hanno inizio alle ore 21:15):
venerdì 19 gennaio: “La campagna ‘lettorale“, di Pietro Romagnoli, a cura della Compagnia “Lucaroni” di Mogliano. Di recente ha riscosso molto successo nel maceratese, raccontando, in dialetto, la politica italiana ai tempi della Prima Repubblica, con i nomi dei partiti sconosciuti ai giovani di oggi (Psdi, Pli, Psiup…);
venerdì 26 gennaio: “Lo zoo di vetro“, di Tennesse Williams, a cura della Compagnia “filarmonico Drammatica” di Macerata;
venerdì 2 febbraio: “Quello che se fa…se rtroa“, di Gabriele Mancini, della Compagnia “La Nuova” di Belmonte Piceno;
venerdì 9 febbraio: “L’amante diabolico: carne, cagnere e curtellate“, di Mario Amendola, a cura della Compagnia “Firmum” di Fermo;
venerdì 23 febbraio: “L’albero” di Marco Renzi, a cura della Compagnia “Teatri Comunicanti” di Porto Sant’Elpidio. Lo spettacolo sarà poi replicato per gli studenti delle scuole medie ed elementari di Cupra il giorno seguente, sabato 24 febbraio, alle ore 10;
venerdì 2 marzo, “L’avaro” di Moliére, a cura dell’Associazione Culturale “Piccola Ribalta” di Civitanova;
venerdì 9 marzo, “Plaza Suite” di Neil Simon, a cura della Compagnia “Comunicarte” di Roma.
Soddisfazione per la rassegna è stata espressa da dal vicesindaco di Cupra Marittima, Aurelio Ricci: «L’impegno del gruppo organizzatore è encomiabile, anche perché riesce a coinvolgere compagnie teatrali provenienti da luoghi e tradizioni diverse»; anche l’assessore alla Cultura Paola Di Girolami si è congratulata per il cartellone proposto, invitando tra l’altro la stampa ad essere presente agli incontri, anche al fine di stimolare, con recensioni, critiche e suggerimenti, una ulteriore crescita della rassegna.
Il costo del biglietto di ingresso è di 7 euro (ridotti fino a 14 anni e oltre 65 5 euro), mentre l’abbonamento per tutti gli spettacoli è di 40 euro (ridotto 30).
Per informazioni, prenotazioni e abbonamenti può essere contattato l’Ufficio Iat dalle 8:30 alle 12:30, al numero 0735.779193.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.181 volte, 1 oggi)