SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Questa amministrazione comunale – afferma Giorgio De Vecchis – deve dimostrare con un atto ufficiale la sua volontà di impegnarsi nella tutela e nella salvaguardia del Paese Alto, che costituisce l’antico nucleo cittadino e in quanto tale è espressione dei nostri valori storici e culturali».
Mettere in sicurezza i cunicoli del vecchio incasato, salvaguardare gli edifici storici da usi impropri, tutelare i valori culturali e identitari dei beni architettonici come la Torre dei Gualtieri e il Palazzo Bice Piacentini, ristrutturati di recente con un consistente investimento pubblico. Questi sono i punti principali della mozione che il consigliere di An Giorgio De Vecchis presenterà nel prossimo consiglio comunale, che probabilmente si terrà negli ultimi giorni di gennaio. Una mozione concepita insieme con il compagno di partito Benito Rossi.
«Quello che chiedo a questa amministrazione è un impegno serio per reperire i fondi necessari alla messa in sicurezza dell’intero vecchio incasato. La conservazione del patrimonio culturale e storico rappresenta il modo migliore per salvaguardare i valori identitari del vecchio nucleo cittadino».
Nella sua mozione De Vecchis cita una serie di riferimenti legislativi, partendo dalla Costituzione (articolo 9,117 e 118), Codice Civile (articolo 822 e seguenti) e per arrivare fino al Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (articoli 1, 2, 3, 10 e seguenti).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 461 volte, 1 oggi)