GROTTAMMARE – Eccola qui: la piscina comunale di Grottammare è stata inaugurata lo scorso 22 dicembre e fra pochi giorni entrerà a pieno regime. Un gioiellino nuovo e prezioso per gli amanti del nuoto e per tutti coloro che prediligono nuotare per rilassarsi e tonificare il proprio corpo, anche perché l’attuale piscina di San Benedetto rischia la saturazione per eccesso di richieste.
Numeroso il pubblico che ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione, alla quale ha partecipato Giuseppe Mangano, il nuotatore-prodigio che a soli 10 anni ha attraversato lo stretto di Messina in meno di un’ora nell’ottobre scorso.
Erano presenti, inoltre, diversi sindaci della zona, oltre che il sottosegretario agli Affari Regionali Pietro Colonnella, del presidente della Provincia di Ascoli Piceno Massimo Rossi e del Vescovo Monsignor Gervasio Gestori: «Se vogliamo realizzare una vera città-territorio» ha precisato il sindaco Luigi Merli, «allora dobbiamo promuovere opere di questo genere, che tutti potranno utilizzare».

La piscina, che si trova in zona San Biagio, nella Valtesino, in prossimità dello svincolo dell’autostrada, potrà così intercettare le esigenze della popolazione che risciede tra il nord di San Benedetto e Pedaso, senza dimenticare l’interva Valtesino.
La struttura è stata inoltre realizzata a costo “zero” per la collettività in quanto è il risultato di un accordo di programma pubblico-privato raggiunto nel 2001, finalizzato alla riqualificazione e recupero di una zona socialmente degradata della periferia grottammarese.
La piscina si estende su una superficie complessiva di duemila metri quadrati per un totale di 1060 metri quadrati di area sportiva. Contiene al suo interno quattro vasche: una per attività didattica ed agonistica (di dimensione 25×16,5 con 8 corsie e profondità da 1,20 a 1,80 m), una per avviamento al nuoto (5×5, profondità 0,60 m), una per relax e riabilitazione (5×7,50, profondità 1,20m), e una per addestramento sub (4,70×5 profondità 4 m). Quest’ultima rappresenta un’assoluta novità il sud delle Marche. L’impianto è certificato dal Coni e questo permetterà il suo utilizzo anche per appuntamenti di livello agonistico.
Per informazioni, la segreteria è aperta dal 2 gennaio (331.4006077)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 9.845 volte, 1 oggi)