LAINATE (Milano) – Con la presentazione di Fumo nero. Marcinelle 1956-2006, edito dalla Regione Marche e scritto dalla giornalista Paola Cecchini, si è appena conclusa la mostra Marcinelle. Cinquant’anni dopo, organizzata presso Villa Borromeo Visconti Litta di Lainate. Lo scorso 11 novembre l’aveva inaugurata Franco Danieli, viceministro degli Affari Esteri con delega per gli Italiani nel mondo.
Curata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Lainate per commemorare la tragedia del Bois du Cazier di Marcinelle – di cui quest’anno ricorre il cinquantenario – la mostra si è articolata su documenti e reperti del museo minerario di Nembro, in provincia di Bergamo, e sulle tele di Giuseppe Flangini che ha conosciuto personalmente la dura realtà della miniera.
In Fumo nero – la cui pubblicazione è stata patrocinata dalla presidenza del Consiglio e dal ministero degli Affari Esteri – la storia dei bacini carboniferi belgi si alterna alle interviste che rievocano l’arruolamento, il viaggio, l’arrivo, gli incidenti e le malattie degli emigranti. Storie di vita dura, tanto da far mormorare ai belgi dell’epoca: «Preferirei vedere mio figlio morire sotto un treno piuttosto che saperlo in miniera».
Il libro si può scaricare in formato *.pdf dal sito www.lemarchenelmondo.info

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 867 volte, 1 oggi)