SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da perno insostituibile della difesa della Samb a maggiore capro espiatorio nei momenti di difficoltà. E’ la parabola discendente di Manuel Landaida. Il difensore argentino sembra avere smarrito lo smalto di inizio stagione, quando giunse in riva all’Adriatico su indicazione di Alessandro Calori, l’ex allenatore rossoblu che lo aveva avuto a Trieste.
Colpa degli acciacchi che ne hanno limitato il rendimento: prima la contrattura alla coscia, poi il problema alla caviglia destra. Quest’ultimo infortunio, rimediato nel corso dell’amichevole disputata dai rossoblu contro la Colonnellese, a inizio novembre, lo sta ancora tormentando, tanto da averlo costretto a ricorrere a delle infiltrazioni. E dopo l’ennesimo atto d’accusa nei suoi confronti – da parte degli organi di informazione, dei tifosi e di mister Ugolotti – per il primo gol incassato ad Avellino (Biancolino, leggermente in ritardo, ha messo la freccia e ha battuto Consigli), Landaida ammette: «Sono al 50-60%. Non sto al massimo, non è una scusa». Come scoprire l’acqua calda. L’ex Triestina sta stringendo i denti.
«Mi dà ancora fastidio la caviglia: la mia condizione fisica è scesa – prosegue Landaida – Spero di tornare quanto prima a giocare come nelle prime giornate di campionato. Quanto alle critiche è più che normale dopo una sconfitta come quella di Avellino. Non credo ad ogni modo ci si debba accusare di poca professionalità, diamo sempre tutto, anche se ad Avellino abbiamo giocato male».
Respinte solo in parte dunque i j’accuse di Ugolotti e del presidente Gianni Tormenti. «Le critiche ci devono aiutare a crescere. Forse domenica scorsa siamo stati poco cattivi. Ora contro l’Ancona cercheremo di rifarci: è un derby, ma soprattutto uno scontro molto importante per la classifica. Sarà la partita della vita».
BORSINO Doppia razione per Landaida e soci che al mattino hanno sudato al Ciarrocchi, mentre nel pomeriggio si sono trasferiti all’Ama Campus. Assente Esposito, influenzato, ha lavorato a parte Zammuto e Loviso, quest’ultimo uscito malconcio dalla trasferta di Avellino. Domani, giovedì, altro doppio allenamento; nel pomeriggio consueta amichevole in famiglia, probabilmente a Pagliare.
QUI ANCONA Doppia seduta anche per l’Ancona. Assente il brasiliano Anderson, infortunato al costato, mentre a parte hanno sudato Masiero, che lamenta un risentimento muscolare e Rizzato, alle prese con la distorzione alla caviglia riportata nel match contro il Taranto di domenica scorsa. Domani i dorici disputeranno la classica partitella infrasettimanale contro gli emiliani della Pianorese (Promozione).
AMICHEVOLE TRA GIORNALISTI DI SAN BENEDETTO E ANCONA In vista del derby tra Samb e Ancona i giornalisti delle due città hanno organizzato una partita amichevole che si disputerà domenica mattina al campo di calcetto di via Dari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 644 volte, 1 oggi)