SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In ogni città c’è sempre un luogo, con cui la comunità può identificarsi o riconoscersi. È un luogo storico ed interiore, simbolo della propria territorialità e delle proprie origini. Qui a San Benedetto, quel luogo si chiama Porto. Purtroppo, tale “realtà” non si è mantenuta intatta nel corso degli anni; anzi, quest’angolo, così vivo, dinamico e che meglio rappresenta il più stretto rapporto con la nostra cultura, viene troppo spesso dimenticato. Per ripristinare, o semplicemente recuperare, la centralità del suo ruolo nella vita cittadina, sono stati realizzati appuntamenti ed attività, volti essenzialmente a riqualificare l’intera zona portuale. Oggi, questi piccoli segnali di ri-appropriazione continuano a farsi vedere.

Ed è in tal senso che va considerata l’iniziativa dell’AssociazioneDante Alighieri“, “Ieri, il Natale. Presepi d’autore al Porto“. Come ha spiegato Lina Lazzari, membro del direttivo: «Tra le varie finalità dell’Associazione c’è anche quella rivolta al recupero di tutte le tradizioni locali. La nostra collaborazione continuativa con la scuola elementare Moretti (zona centrale e zona nord in via Ferri) e la scuola materna di via Togliatti, ha permesso di costruire insieme alle maestre un ben articolato percorso didattico, affinché gli alunni possano apprendere e ricordare le tradizioni, relative alle feste natalizie, anche attraverso il recupero di canti popolari in dialetto. Inoltre, la volontà di sistemare presepi d’arte e d’artigianato locale presso gli edifici, presenti nell’intera area portuale, nasce dall’idea di riscattare il porto dalla generale distrazione civica e recuperarlo come luogo sociale».

Queste iniziative, che rientrano nell’ambito di uno stesso progetto, troveranno un momento pubblico il 22 dicembre alle ore 10.00, presso l’Associazione Pescatori Sambenedettesi (di fronte alla nuova Capitaneria di Porto), dove verrà esposto il presepe storico del grande artista Alfred Chatelain (si tratta di 40 statuine, in terracotta e cartapesta, alcune delle quali sono abbigliate con costumi marinari). Inoltre, saranno visitabili un presepe di carta all’interno di un box libero al Mercatino Ittico, una Natività, opera del dottor Giancarlo Vesperini, al Circolo Nautico, una balena in legno stilizzata con dentro un presepe al Mercato all’ingrosso, un presepe d’artigianato locale presso i box della Piccola Pesca e un presepe, realizzato dal maestro Marcello Sgattoni in collaborazione con i ragazzi dell’Associazione Psiche 2000, a bordo del Nefertiti.

La manifestazione, che intende coinvolgere l’intero tessuto locale, si aprirà il 20 dicembre con il Concerto di Natale dell’Orchestra Sinfonica Giovanile G.B. Pergolesi di Fermo, presso la Chiesa di Santa Maria della Marina alle ore 21.00.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 866 volte, 1 oggi)