SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 9 dicembre il comitato di quartiere Marina di Sotto organizza la “fochera” e raccogliendo l’invito dell’amministrazione comunale attuerà una raccolta di offerte da devolvere alle famiglie dei marinai tragicamente scomparsi nel naufragio del Rita Evelin.
L’accensione della tradizionale “fochera” avverrà nell’area antistante la chiesa di San Pio X, gentilmente concessa dalla “Sipa Costruzioni”, che il comitato ringrazia pubblicamente. Con l’auspicio che sia solo il primo passo verso la realizzazione della piazza, che rientra nei progetti dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Gaspari.
La fochera si accenderà verso le 21:30, al termine del rosario che sarà celebrato alle 21 in chiesa con il parroco don Vincenzo Catani. Nel tradizionale momento di aggregazione non mancheranno la “fava ngreccia”, castagne e vino rosso. Tra canti, preghiere e il tradizionale momento gastronomico si intende rinnovare il rito del passato, quando intorno alle fochere che venivano accese in tutti i quartieri della città per illuminare il passaggio della Madonna di Loreto, ma anche nelle campagne, la gente del popolo si dava appuntamento per celebrare l’amata immagine religiosa.

Il comitato di quartiere invita tutti i residenti e tutti gli abitanti di San Benedetto, ricordando che il momento gastronomico sarà a offerta libera e che le offerte saranno devolute alle famiglie dei pescatori drammaticamente scomparsi.
Il comitato ringrazia in primis la Sipa, ma anche la Novelli Legno per aver concesso il legname e la Cantina Sociale Acquaviva, per la fornitura di vino ad un prezzo simbolico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 535 volte, 1 oggi)