SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non è certo una novità porre l’arte al servizio del messaggio e trasformarla in un medium, per sensibilizzare o per far conoscere realtà difficili e bisognose di aiutoi. Questa integrazione risulta essere una formula efficace per avere sia coinvolgimenti diretti che risposte nell’immediato.

Non a caso, infatti, la Mostra d’arte Bielorussa, che si inaugurerà l’8 dicembre alla Palazzina Azzurra alle ore 17.00, è arrivata alla sua 10° Edizione. A dare vita a questa iniziativa sono stati Rosanna Pompei e Primo Falcioni, rispettivamente presidente e vice dell’Associazione Solidarietà per l’Infanzia. Ad esporre sono 14 artisti bielorussi, ormai noti nel panorama internazionale, che sensibili e partecipi alle problematiche infantili della loro terra hanno generosamente offerto le proprie opere, affinché, con il ricavato delle stesse, si realizzi nella periferia di Minsk una Casa Famiglia per accogliere e assistere con le famiglie cinque bambini affetti da piccoli handicap.

L’impegno sociale dell’Associazione è certamente sinomimo di solidarietà e dignità, oltre che un imperativo morale, e grazie al suo straordinario sforzo le parole di ieri si sono trasformate, oggi, in concrete realtà. La mostra, che si avvale del patrocinio del Comune di San Benedetto del Tronto, dell’Ambasciata Bielorussa, della regione Marche e della Provincia di Ascoli Piceno, resterà aperta fino al 19 dicembre (dalle 16 alle 19, lunedì chiuso). Saranno, inoltre, presenti all’inaugurazione il Presidente dell’Associazione Bielorussa, con la quale Rosanna Pompei collabora, un deputato del Governo e l’artista Ivanov Grigoriy. Un ringraziamento particolare va anche all’Assessore alla Cultura Margherita Sorge, che alla conferenza stampa ha sottolineato l’importanza di sostenere e promuovere iniziative analoghe.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 553 volte, 1 oggi)