MONTEPRANDONE – La Troiani & Ciarrocchi Monteprandone, complice la seconda sosta della stagione, torna a interrogarsi sui perchè maturati dopo la sconfitta, la terza da inizio campionato, di Pescara. La più brutta invero. Se contro la Lazio la differenza di valori era stata evidente e contro Gaeta Sciamanna e soci se l’erano giocata sino all’ultimo, al cospetto degli adriatici la banda Iadarola ha “bucato” l’impegno in maniera troppo evidente.
«Abbiamo sbagliato l’approccio, forse prendendo sottogamba la partita, forti dei 3 punti guadagnati la settimana precedente a Guardiagrele». E’ la sintesi, fin troppo onesta, di capitan Fabio Poletti. Per fortuna è arrivata la seconda sosta della stagione. Vanno riordinate le idee, ma soprattutto bisogna svuotare l’infermeria: ancora fuori Daniele Poletti e Alessio Consorti, nonostante in settimana abbiano ripreso. Contro la Flavioni Civitavecchia, prossima ospite al Colle Gioioso, sarà indisponibile anche Pierpaolo Romandini, infortunatosi a Guardiagrele. Il vicecapitano dovrebbe tornare non prima di gennaio. Arruolabile infine Sciamanna; il terzino celeste in questi giorni nella Capitale per lavoro, raggiungerà le Marche e si metterà a disposizione di mister Iadarola, anche in virtù dell’importanza del match contro la Flavioni.
«Quella cotnntro Civitavecchia sarà una gara fondamentale – ha continuato Poletti – Vincerla significherebbe riprendere il cammino verso una classifica più tranquilla (al momento i celesti sono penultimi, nda). Dobbiamo metterci in testa che la B è una categoria che non perdona: tutti devono dare il massimo, purtroppo in squadra non abbiamo il giocatore che fa la differenza, quindi se qualcuno si esprime al di sotto delle sue potenzialità, a risentirne è l’intero sistema di gioco».
Sui motivi di questa partenza a singhiozzo, il capitano monteprandonese dimostra di avere le idee piuttosto chiare: «Finora a condizionarci sono stati proprio gli infortuni. Detto che va corretta la mentalità, ci è mancata anche un pizzico di esperienza: i “vecchietti” della squadra hanno sempre dovuto far fronte a degli acciacchi e i giovani hanno fatto qual che hanno potuto. Spero che pian piano questa situazione possa migliorare: nel turno precedente le nostre rivali per la salvezza hanno vinto praticamente tutte. Dobbiamo lavorare sodo e tirare fuori il carattere; il campionato è ancora lungo, quindi abbiamo la possibilità di recuperare il terreno perduto».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 514 volte, 1 oggi)