SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un passo avanti e due indietro. È il cammino del Porto d’Ascoli dopo le vittoriose sfide con Sangiorgese (2-0), Campofilone (0-1) e Monteprandonese (1-0). Gli otto punti che dividono i biancocelesti dalla zona play off iniziano ad essere troppi per le ambizioni palesate nel corso dell’estate dal patron Walter Amante.
Sembravano scoraggiati i giocatori al termine del match con il Monticelli. Consapevoli dell’opaca prestazione sfornata in campo nemico, non sono stati in grado di portare a casa i famigerati tre punti, che avrebbero fruttato una posizione di classifica migliore all’attuale.
Sabato il Porto d’Ascoli è ospite della penultima in classifica, l’Appignanese. I ragazzi di mister Grilli sono obbligati a vincere per non vedere compromessa la stagione. Occorre più determinazione specie sotto porta visto che i biancocelesti, con sette gol, hanno il peggior attacco insieme al Campofilone.
Il tecnico Grilli potrà ad ogni modo contare sui rientri di Clementi e Pompei, che hanno scontato il turno di squalifica. In dubbio De Cesare e Fiorino: exntrambi hanno avuto risentimenti agli adduttori e nei prossimi giorni si sottoporranno agli accertamenti del caso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 335 volte, 1 oggi)