Maracci Chiaravalle-Mail Express San Benedetto 2-3
CHIARAVALLE: Abbondanza, Gabrielli, Crescentini, Federici, Frontini, Piombetti, Romagnoli, Secchiari, Zingaretti, Bughi, Caimmi, Curi (l). Allenatore: Badiali.
MAIL EXPRESS: Falgiatori Mario, Raffaelli, Talamonti, Citeroni (l), Caucci, Chiappini, Marini, Faraone, Scaltritti, Laraia, Malatesta. Allenatore: Mattioli.
ARBITRO: Ferracuti di Fermo.
PARZIALI: 24-26, 18-25, 25-19, 25-20, 17-19.
CHIARAVALLE – Marco Mattioli, giovane ma a quanto pare già dotato di una discreta esperienza, alla vigilia della trasferta di Chiaravalle aveva avvertito i suoi. La sintesi del Mattioli-pensiero? Non esistono partite facili, gli avversari, anche se in difficoltà, vanno temuti e non sottovalutati.
Per i primi due set la Mail Express ha dato retta al proprio allenatore, poi… Poi Raffaelli e soci sono caduti in errori di recente memoria, rischiando di compromettere una gara che a un certo punto sembrava in saccoccia.
A Chiaravalle insomma, passa la capolista, ma quanta fatica. La Mail Express mantiene la testa della classifica del girone B, eppure la Maracci, autrice di un inizio di stagione da dimenticare, a dispetto delle buone potenzialità e dell’esperienza a disposizione, vende cara la pelle e costringe al tie-break i più titolati avversari.
Per il sestetto di coach Mattioli 2 punti che fanno comodo e tutto sommato meritati, ferma restando la sensazione che con un pizzico di concentrazione la prima della classe avrebbe potuto arraffare l’intera posta in palio.
I rossoblu infatti si portavano subito avanti 2-0. Set equilibrati, in fotocopia quasi, con gli ospiti che dovevano lottare, ma comunque sempre avanti. Nel terzo parziale ecco il ritorno di Chiaravalle con la ricezione sambenedettese molto imprecisa (su tutti quella di Citeroni) e i padroni di casa che, ovviamente, cominciavano a crederci sempre di più. Anche il quarto parziale così finiva nelle mani della Maracci.
Al tie-break era grande incertezza: 8-6 per i locali al cambio di campo. Poi, il parziale scivolava punto punto sino al “colpo di reni” decisivo della banda Matttioli che portava a casa 2 punti preziosi sul filo di lana (19-17).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 357 volte, 1 oggi)