SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I lavori alla “galleria d’arte” a cielo aperto, il Molo Sud, ricominceranno nel 2007. Infatti, dopo che quest’anno la rassegna era stata sospesa, da giugno del prossimo anno “Scultura Viva“, ideata e curata dall’architetto Piernicola Cocchiaro nel 1996, abbellirà nuovamente il Molo sambenedettese.

«Il molo sud – spiega Cocchiaro – potrebbe divenire il primo importante elemento del grande progetto dichiarato dal Sindaco, di far diventare San Benedetto una città d’Arte, riprendendo il lavoro svolto dall’Amministrazione Perazzoli, con l’inserimento di tante opere d’arte non solo nelle zone turistiche del centro e del Lungomare, ma anche nei vari quartieri che, rientrando in un preciso sistema di itinerari artistici, verrebbero così ad acquisire un importante valore aggiunto e divenire singole perle di una grande collana».

Il Sindaco Giovanni Gaspari ha infatti ribadito la volontà di ridare vita alla rassegna direttamente a Cocchiaro, proprio perché divenuta una delle manifestazioni artistico-culturali storiche della città che, oltre a portare una ventata di arte internazionale, abbellisce anche un luogo – attualmente con più di 80 sculture – che fino a qualche anno fa era “solo” il braccio di un porto.

La volontà del Comune di continuare l’abbellimento del Molo si desume anche dai lavori si sistemazione e arredo che, sotto la diretta sorveglianza del progettista Davarpanah Farnush, stanno procedendo celermente.

Sono già stati completati i palmizi e l’illuminazione a raso – in sostituzione dei vecchi lampioncini – ed è stata posta anche una ringhiera in acciaio inossidabile. Proprio in questi giorni stanno invece iniziando i lavori che interessano la restante parte verso mare, con pavimentazione identica al lato opposto, ma con in aggiunta dei piccoli led che illumineranno di sera le 80 sculture già presenti su tutta la passeggiata.

Per la sicurezza, verranno anche apposte delle videocamere per la sorveglianza sopratutto notturna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 675 volte, 1 oggi)