SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Seconda trasferta di fila per la Samb che domenica prossima rende visita alla Juve Stabia di Eziolino Capuano. Le “vespe” campane, al secondo torneo di C1 consecutivo, dopo il ripescaggio nell’estate 2005 – la terza serie mancava nella Campania colorata di gialloblu dalla stagione edizione ’93-’94 – e la salvezza ottenuta l’anno passato dopo lo spareggio play out proprio contro l’Acireale allora allenato da Guido Ugolotti (2-1 al Menti, 1-1 al Tupparello, nella gara di ritorno), hanno finora intrapreso un cammino nel complesso positivo. A San Marino, due domeniche fa, è arrivato il primo successo esterno dopo ben 17 mesi; tra le mura amiche invece i campani fanno bene, sfruttando i favori di un impianto piccolo e a ridosso del campo: a referto finora tre successi, un pareggio ed una sola sconfitta.
MERCATO Cinque appena i giocatori riconfermati dalla passata stagione. Tre gli ex Samb: Antonio De Rosa e i fratelli Femiano, Fabio e Antonio. Nelle mani di Eziolino Capuano, alla sua prima esperienza a Castellammare di Stabia, l’ex portiere del Sansovino Benussi, i difensori Sannibale (dalla Salernitana), Viviano (Arezzo) e Terracciano (Acireale), i centrocampisti D’Anna (Arezzo), Gennaro Esposito, l’anno passato al Siena, Mariniello (Manfredonia), Monti (Fermana) e Silvestri (Martina). In avanti il peso dell’attacco è quasi interamente sulle spalle di Castaldo, l’attaccante di Mugnano di Napoli che, si ricorderà, ingaggiato dal Siena è voluto tornare a tutti i costi con le vespe, con la cui maglia sta disputando la quarta stagione (ben 36 i gol messi sinora a segno; 5 quelli che fanno capo all’attuale campionato). Domenica prossima in ogni caso, Castaldo, alle prese con una distorsione alla caviglia destra procuratasi nel match del Menti contro il Gallipoli, non ci sarà.
Alla corte di Capuano, per il reparto avanzato sono arrivati Caputo, l’anno scorso al Sud Tirol, Galantucci, ex Rende, e il francese Pierre Baclet (Gela), il quale ha esordito giusto domenica scorsa, sostituendo, al 38′ della ripresa, lo sfortunato Castaldo.
Da ultimo una curiosità: ben 13 effettivi della rosa sono campani, di cui 7 napoletani doc.
PRECEDENTI Appena quattro incroci tra Juve Stabia e Samb. Il primo si è giocato nel ’52: finì 2-2, coi padroni di casa che raggiunsero il pari solo all’89°. Arbitrò un certo Concetto Lo Bello da Siracusa. L’ultimo precedente invece risale alla stagione ’93-’94, quella che precedette il fallimento del sodalizio rossoblu: al 90° l’ex Lunerti regalò alle “vespe” il successo. Il match in ogni caso venne disputato sul neutro di Caserta.
Di seguito il ripilogo dei precedenti tra Juve Stabia e Samb; a seguire il tabellino concernente l’ultima sfida.
Serie C ’52-’53 Stabia-Samb 2-2 (21-9-52) [7′ Bisogna (ST), 19′ Astraceli (S), 32′ Traini I (S), 89′ Casuzzi (ST)]
Serie C1/B ’93-’94 Juve Stabia-Samb 1-0 [89′ Lunerti]
29 maggio 1994 Juve Stabia-Samb 1-0
JUVE STABIA: Fabbri, Celestini, Colavitto, De Simone, Veronici (76′ Romei), Amodio, Pizzo (46′ Incarbona), Talevi, Onorato, Musella, Lunerti. A disposizione: Ambra, Rivi, De Francesco. Allenatore: Chiancone.
SAMB: Coccia, Consorti, Rosati (51′ Casimirri), Picconi, Grillo (80′ Damiani), Cudini, Di Serafino, Saggiomo, Di Giannatale, Manari, Esposito. A disposizione: Visi, Bocchino, De Amici. Alletore: Di Feliciantonio-Ivo Iaconi.
Arbitro: Freddi di Sassari.
Marcatore: 89′ Lunerti.
Ammoniti: Onorato, Picconi, Esposito, Incarbona.
Angoli: 3-8.
Spettatori: 10.000 circa. Un centinaio i tifosi ospiti.
Note: la gara venne disputata sul neutro di Caserta per la squalifica del Menti nel turno precedente in casa, derby con la Salernitana.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 645 volte, 1 oggi)