ACQUAVIVA PICENA – Pubblichiamo di seguito la versione integrale di un articolo, uscito il 30 ottobre scorso sul numero 651 del nostro settimanale Riviera Oggi, nel quale l’assessore Roberto Fulgenzi interviene in merito alle antiche sorgenti d’Acquaviva.

  

Alla fine l’abbiamo spuntata: la nostra indagine sul degrado delle Fonti d’Acquaviva, a quanto sembra, ha centrato l’obiettivo.
L’assessore all’Ambiente e ai Lavori Pubblici Roberto Fulgenzi, intervenuto sul tema delle antiche sorgenti, ha dichiarato a sorpresa: «Sensibilizzato dalla vostra inchiesta – ci ha annunciato – m’impegno, da qui a fine legislatura, perlomeno, a ripulire le vecchie sorgenti e a liberarle da rovi e sterpaglie, rendendole, così, più decenti. Di più, onestamente, non posso fare».
L’amministratore, spiegandoci i motivi della “trascuratezza”” dimostrata in merito alla questione dalla Giunta Infriccioli, così ha precisato: «Il recupero delle vecchie sorgenti non era effettivamente nel nostro programma elettorale, di conseguenza non era prevista, nel bilancio, una somma destinata a tal fine».
«Le Fonti – ha continuato – rappresentano un indubbio patrimonio storico e culturale per il paese, il cui toponimo, oltre che ai duchi, è in qualche modo legato alla ricchezza d’acqua che il suo territorio vanta, quindi alle sorgenti. Sono contento della vostra iniziativa, perché ha suscitato una sensibilità nuova rispetto a delle risorse che negli anni sono state sempre più trascurate».
«Peccato – ha proseguito, riferendosi a precedenti amministrazioni – che questa stessa sensibilità in passato non ci sia stata: mi riferisco soprattutto a Fonte Mercato, la cui acqua è stata, tramite una convenzione, messa a disposizione della struttura alberghiera dell’Abbadetta, e a Fonte Palanca, che non esiste praticamente più, poiché il suo suolo è stato occupato da un depuratore. È stata proprio una scelta scellerata: esso poteva benissimo essere costruito più a valle! Ad onor del vero debbo, tuttavia, affermare che la Giunta Gaetani nei primi anni ’90 ha commissionato uno studio sul recupero delle Fonti che noi, sulla base della vostra lodevole iniziativa, stiamo “rispolverando”. Vi abbiamo riscontrato, però, delle inesattezze, poiché in esso era considerata come Fonte Mercato una vasca d’accumulo d’acqua che non c’entra assolutamente nulla. La vera Fonte Mercato è quella che voi avete segnalato nel vostro reportage».
È proprio vero che l’odierna Amministrazione Comunale non si è mai preoccupata, durante il suo mandato, di recuperare le antiche sorgenti? «Noi avevamo – precisa Fulgenzi – un progetto, realizzato dall’arch. Marconi di Grottammare, che prevedeva la ristrutturazione della sola Fontepezzana, con un una spesa di circa 25.000 euro, finanziata in parte dalla Provincia di Ascoli Piceno. Non è stato, però, possibile realizzarlo, perché i fondi sono stati dirottati sull’emergenza neve, che abbiamo dovuto fronteggiare lo scorso anno e che ci ha messo duramente alla prova».
La completa ristrutturazione delle Fonti comporterebbe, a detta dell’assessore, un impegno economico notevole, quantificabile in circa 150.000 euro, che l’attuale Giunta non è in grado di sostenere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 617 volte, 1 oggi)