ASCOLI PICENO – Per festeggiare in maniera davvero curiosa l’11 novembre, il Circolo Scacchistico ascolano, con il patrocinio del Comune, ha promosso il torneo “Scacco & Bacco”.
Un proverbio russo dice infatti che “gli scacchi e il vino sono nati  fratelli” e le cantine del Piceno hanno generosamente contribuito, con il rinomato  vino novello locale, al montepremi della manifestazione che prevedeva anche – per i numerosi concorrenti sotto i 18 anni – simpatici regali quali: medaglie (offerte dal presidente del Coni,  Aldo  Sabatucci), scacchiere, soprammobili d’argento e di cristallo, orologi e penne magiche di Harry Potter.
Più di 50 concorrenti (tra i quali ben 44 candidati Maestri di scacchi e campioni provenienti da Roma, dal vicino Abruzzo e perfino dalla Romania), grandi e piccini, accompagnati da amici e familiari, hanno riempito l’aula magna della scuola media “D’Azeglio”, messa a  disposizione dal preside Tortorella.
La gara, svoltasi su sette turni di gioco da 15 minuti, ha visto prevalere Stefano D’Innocente di Pescara davanti a Giuseppe Bastarelli della provincia di Ascoli che ha superato – per spareggio tecnico – Marco  Tonini, Emidio Fioravanti e Giovanni Marozzi. A mezzo punto di distanza ben cinque inseguitori, guidati  da Bogdan Ciobanu di Brasov in Romania.
Alla manifestazione è intervenuto l’assessore alla Pubblica Istruzione, Gianni  Silvestri che si è complimentato con il presidente del Circolo, Luciano Morganti, per la riuscita dell’iniziativa ed ha incitato i presenti, soprattutto i giovani, a continuare il loro impegno per lo sviluppo del “Nobil Giuoco” degli scacchi, “benefico – ha  detto Silvestri – per l’esercizio mentale e per sviluppare fair play e  spirito associativo” ed ha rilevato  come diverse scuole abbiano  aderito all’iniziativa dell’assessorato alla Pubblica Istruzione, insieme al locale Circolo Scacchistico Ascoli, avviando  corsi di scacchi per gli studenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 225 volte, 1 oggi)