SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono ancora bloccate le operazioni di recupero del peschereccio Rita Evelin, che giace ancora a 80 metri di profondità sul fondo del mare. Come previsto, questa mattina le condizioni del mare non sono migliorate, impedendo così al pontone AD3 di operare in sicurezza per riportare in superficie il relitto.

Intanto, in mattinata è partito dal porto di San Benedetto alla volta del luogo del naufragio il motopesca Giulio Primo che si è offerto di trasportare le reti e i cavi recuperati dal peschereccio affondato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 473 volte, 1 oggi)