Samb. Il ruolo di personaggi pubblici ha giocato un brutto scherzo ai fratelli Tormenti, proprietari da giugno della Sambenedettese calcio. Il più giovane di loro, Marcello, è stato condannato a sei mesi per “violazione della legge sulla privacy”, non proprio un reato ma che fa comunque notizia. Tanto è che nessuna testata giornalistica che si rispetti ha pensato minimamente di non pubblicarla.
Ma proprio perché è stato messo in risalto, chi più chi meno, che c’è stata assoluzione per i due reati più importanti: falso e truffa, i Tormenti non dovrebbero prendersela più di tanto. Sarebbe stato più grave se la realtà dei fatti non fosse stata riportata permettendo a chicchessia di ricamarci sopra e, magari, travisare una vicenda che, così com’è, non reca alcun danno di immagine ai proprietari della Samb Calcio.
Sta di fatto che precedenti notizie poco carine nei loro riguardi non sono state riportate da tutti gli organi di informazione ma principalmente ed in particolare da una sola testata. Notizie che gettavano discredito pur senza quei riscontri precisi che la notizia attuale possiede in toto. E che, in un certo senso, attenua chiaramente le responsabilità dei Tormenti su una questione che, magari, in molti speravano o si aspettavano che finisse diversamente.
Credo quindi che, a mente serena, gli attuali proprietari della Sambenedettese Calcio non se la prenderanno più di tanto per la decisione della giudice Filippello che, ripeto, secondo me non li danneggia ma mette chiarezza su una vicenda fino ad adesso molto chiacchierata e… ricamata. Se poi il loro ricorso sarà accettato, anche in quel momento tutte le testate, dico tutte, dovranno dargli il risalto che merita come hanno fatto adesso. In effetti per ora la notizia è che Marcello Tormenti non ha nè truffato né falsificato. Dimenticavo l’importanza delle parole “pena sospesa” aggiunte subito dopo la sentenza: significano che non esistono precedenti a carico dell’imputato.
Fatti da non confondere con il possibile addio di Claudio Molinari, attuale dg, il quale da uomo molto vicino ai Tormenti ne ha sempre apprezzato capacità e progetti. Il suo malumore è rivolto verso ben altre direzioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.722 volte, 1 oggi)