RIPATRANSONE – Domenica 6 novembre è stato il giorno del déblocage, cioè l’apertura delle bottiglie di vino novello. Inizia la commercializzazione e secondo la Tenuta Cocci Grifoni è in atto una stabilizzazione del prezzo alla produzione, che negli ultimi anni aveva registrato una flessione verso il basso. L’oscillazione registrata dalla Borsa Merci di San Benedetto va da un minimo di 1,80 euro a bottiglia e un massimo di 2,85 euro.
Il vino novello è cosa diversa dal vino nuovo, perché è il risultato di un processo di vinificazione del tutto diverso da quello tradizionale. Il metodo, come ci spiega la bella Paola Cocci Grifoni, è stato ideato da un’equipe di ricercatori francesi nel 1934. Un loro esperimento fece scoprire le peculiarità della conservazione dei grappoli a bassa temperatura e a contatto con l’anidride carbonica. Dopo un paio di mesi, infatti, questi ricercatori si accorsero che i grappoli erano diventati gassosi e frizzanti, dal sapore particolare ma molto gradevole. Il risultato della loro vinificazione fu un vino dal bouquet fruttato, dal colore vivo, con tonalità che ricordano il porpora e con un gusto molto fresco.
Il nome esatto del processo è macerazione carbonica. Gli acini interi vengono lasciati in un ambiente privo di ossigeno oppure immettendo dell’anidride carbonica direttamente nei tini in modo tale che ogni acino fermenti il suo succo, producendo una piccola quantità di alcool etilico che favorisce il passaggio di alcune sostanze coloranti dalla buccia alla polpa. L’anidride carbonica favorisce anche la degradazione dell’alcool malico, il principale responsabile del gusto acerbo dei vini. Dopo circa una settimana di macerazione le uve sono pigiate e il mosto prosegue poi la fermentazione classica senza le bucce a temperatura controllata. Il processo completo richiede un mese circa.
Paola Cocci Grifoni sfata anche un diffuso luogo comune, spiegandoci che il vino novello non ha una breve scadenza temporale. Il suo consumo può infatti prolungarsi fino alle feste di Natale. E proprio nel week end del 3 e del 4 dicembre ci sarà il “Natale in Cantina”, organizzato dal Movimento Turismo del Vino.
Per legge il vino novello non entra in commercio prima del 6 novembre di ogni anno e comunque non può essere imbottigliato dopo il 31 dicembre.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 873 volte, 1 oggi)